Anna Magnani entra nella Street Art: storia di un’artista poliedrica

Diavù dipinge la storia del cinema su una scalinata: Anna Magnani è la nuova protagonista del Mercato Rionale a Roma.

“Che pace che silenzio che ce stava nella piazzetta appena fuori mano, coi raggi della luna su li tetti parevano d’argento pur’i gatti, all’improvviso come una gran luce illuminò de foco tutt’er cielo, poi vidi che na donna era atterata avvolta in una nuvola dorata, s’avvicinò e me pijò la mano, poi fece «ahò ma che nun sei romano? su guardeme mpò, che nun m’ariconoschi? nun te ricordi i firmi romaneschi?» me pare de sognà, sei proprio quella! ma sì t’ariconosco, Nannarella! ma tu nun eri n’angelo der cielo? no… nun me pare vero… eppure è vero… ma come hai fatto a ritornà tra noi? «Ce so riuscita», fece Nannarella, «Un’ora de permesso m’hanno dato, pure San Pietro ce s’è scomodato, ma m’era presa tanta nostargia,
de rivedè pe n’ora Roma Mia»”: Nannarella, stavolta, è tornata davvero. Avvistata la Magnani sulle scalinate del Mercato Rionale della capitale, mentre stringe un gatto e sorride a “Roma sua” e poco più in là con un gatta mentre scruta i passanti abbracciando un cane.

maxresdefault-1-800x600

Sulla doppia scalinata del Nuovo Mercato Andrea Doria, l’artista David “Diavù” Vecchiato ha realizzato due ritratti di Anna Magnani in “Campo de’ Fiori” di Mario Bonnard e in “Mamma Roma” di Pier Paolo Pasolini. Si tratta di una nuova tappa del progetto Popstairs, ideato dallo street artist e da Roma&Roma per la riabilitazione culturale dei contesti urbani attraverso interventi artistici sulle scalinate della capitale. “Nannarella è una delle donne della cultura e dello spettacolo che desideravo omaggiare – ha dichiarato Diavù in un’intervista all’Ansa – perché è tra le donne che, tramite l’esempio che hanno dato a tante altre ragazze della loro epoca, hanno contribuito a cambiare i costumi della società italiana”.

L’obbiettivo dell’artista era quello di realizzare un’opera che non fosse solo uno squarcio nel passato, da ammirare da un certo punto di vista, ma anche una tela ideale in cui lo spettatore può letteralmente entrare, salendo o scendendo la scalinata. La Magnani, protagonista dei ritratti, doveva essere un esempio per tutte le donne di nuove e vecchie generazioni che passando per il Mercato Rionale gettano uno sguardo distratto ai gradini di questo splendido frammento di Roma.

Photo Credits: Facebook.

Comments

comments