L’ultimo segreto delle Brigate Rosse nascosto in…

Scoperto a Milano durante i lavori al Policlinico il covo delle Brigate Rosse, d ci sarebbero le carte originali di una cellula attiva nel 1975.

Incredibile la scoperta che hanno fatto gli addetti ai lavori del Policlinico di Milano: nel Padiglione Granelli sono state trovate prove evidenti e chiare che esistesse un covo delle Brigate Rosse all’interno dell’ospedale pubblico. Nell’ottobre 1990 il proprietario di un bilocale in via Monte Nevoso durante una ristrutturazione rinviene insieme ad un muratore una struttura di cartongesso: è una struttura atta a proteggere centinaia di fotocopie, tra cui numerose pagine del memoriale scritto dal presidente democristiano Aldo Moro prigioniero a Roma. Più 60 milioni in vecchie banconote e diverse armi ancora utilizzabili. Salirebbero a due, dunque i ritrovamenti, nell’ambito della storia delle Brigate Rosse, che per anni è rimasta avvolta da una fitta coltre di mistero.

La “brigata ospedaliera” del Policinico potrebbe avere avuto un ruolo in alcune azioni di fuoco, come ad esempio nel 1975 quando venne gambizzato, il deputato Massimo De Carolis, democristiano doc, nel suo studio,. In quell’ occasione gli era stato sequestrato il tesserino. L’oggetto è stato ritrovato tra i documenti nascosti nell’ospedale. De Carolis venne “processato” dalle Brigate, mentre tre dei suoi collaboratori furono imbavagliati, legati e incatenati, senza poter chiedere aiuto. A conclusione del “processo” durato pochissimo, uno dei quattro eseguì la sentenza di morte sparando con una 7,65 con silenziatore alle gambe dell’avvocato: dieci mesi più tardi si accertò che quell’ arma era la medesima che aveva sparato nel giugno del 1974 a Padova per uccidere due missini nella loro sede. Si trattava ancora delle Brigate Rosse.

La Procura di Milano ha aperto un fascicolo di indagine, al momento senza ipotesi di reato né indagati.. Il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, capo del pool antiterrorismo, ha affidato le indagini al Ros e al nucleo informativo dei carabinieri che avranno il compito di predisporre degli accertamenti negli archivi dell’epoca sulle Brigate Rosse.

lavori

Photo Credits: Facebook.

Comments

comments