Catfight: la nuova porno-follia che sta facendo impazzire l’Irlanda del Nord

Catfight, la nuova frontiera del porno: donne di ogni età in Irlanda del Nord si affrontano in “un campo di battaglia” in lingerie e vengono riprese. I video vengono poi rivenduti al miglior offerente.

Gli ingredienti sono semplici: lingerie, forza nelle braccia e tanta determinazione. È la nuova moda del momento in Irlanda del Nord: le candidate dopo essersi spogliate (l’intimo lo possono tenere) si affrontano su un ring dove vengono riprese e immortalate. Un incontro può essere pagato fino a 180 Euro. In questo fight club non esistono regole: tirarsi capelli, pugni e calci mentre vengono incitate dagli spettatori in una location che resta segreta fino all’ultimo. Gli spettatori possono interagire, sfilando mutandine e reggiseni. La vincitrice incassa 350 euro.

La lotta può essere organizzata fra conosciute o sconosciute, le donne vengono riprese e i video vengono caricati sul sito o venduti a 15 Euro in dvd. I clienti possono anche pagare per una rissa privata, che ha costi diversi. Gli appuntamenti sono nelle case o nei garage (a volte anche all’aperto) e spesso capita che gli spettatori si riuniscano prima per scommettere o fare dei commenti pre-partita. Le donne vengono reclutate sui social nella categoria “Catfight”.

La nuova moda viene dall’Irlanda del Nord e ogni giorno i fan crescono a dismisura. Sul web è possibile trovare interi servizi fotografici e documentazioni video sebbene il fenomeno sia molto localizzato. Il fatto che non esistano regole di sorta pone le duellanti in pericolo in qualsiasi momento. Il fatto, oltretutto, che le donne siano costrette ad affrontarsi in lingerie rende la pratica ancora più disumanizzante e svilente per il gentil sesso, che tuttavia, accantonate le situazioni delicate, in alcuni casi sembra addirittura goderne. Pronte per le Olimpiadi? Chissà che il Catfight alla fine non divenga sport nazionale, tanto da arrivare nel 2020 a Tokyo.

12038112_1681326568747124_4375762396720099877_n

Photo Credits: Twitter

Comments

comments