Shaboo: la nuova droga che ti tiene sveglio per giorni

Shaboo è la droga del momento, un tempo utilizzata solo dalle comunità di immigrati filippini, ora molto diffusa anche tra i giovanissimi. Dall’inizio dell’anno sono stati arrestati 19 pusher che spacciavano la potentissima metanfetamina.

È la droga del momento. Prima circolava solo tra gli immigrati filippini, poi si è diffusa nella popolazione degli over30 per i suoi effetti eccitanti che permettevano di restare svegli per ore, sopportando ritmi lavorativi frenetici, oggi rischia di diventare la sostanza stupefacente delle nuove generazioni. Perchè? È efficace, dà eccitazione e permette di resistere a fame e sonno, le sue terribili conseguenze non si avvertono subito. Chimicamente è affine alla crystal meth americana, che si fa con l’acido delle batterie. È in cristalli e si fuma sulla stagnola. Non si riesce a chiudere occhio per giorni interi, gli effetti si vedono sul lungo periodo.

A Milano negli ultimi tempi sono aumentati i sequestri di questi nuovi cristalli, venduti a peso d’oro: per una dose è sufficiente un decimo di grammo, che costa tra 25 ai 30 euro. A gestire il nuovo traffico è soprattutto la comunità straniera, per questo si parla di “droga etnica”. Creata per la prima volta in laboratorio in Giappone alla fine dell’800, si è diffusa rapidamente in Thailandia e nelle Filippine.

La dipendenza è assoluta e devastante: il rilascio di dopamina nel cervello, creando una forte dipendenza, a lungo termine induce comportamenti violenti, ansia, confusione, insonnia, paranoia e disturbi della personalità. Gli effetti sulle cellule cerebrali sono irreversibili già dopo pochi mesi che se ne fa uso. Tra le conseguenze dell’assunzione di questi cristalli ci sono la perdita di denti e capelli, oltre a convulsioni e al possibile rischio di morte per overdose. Sono pochissimi i casi di persone che sono riusciti ad uscirne perché è un genere di dipendenza che non lascia scampo. Una scelta, questa, che può cambiare la vita.

1461735003_drugs10-GETTY-1280x628

Photo Credits: Twitter.

Comments

comments