Nicole Kidman: “Sono una wild card e interpreto vite sbagliate”

Nicole Kidman torna sul grande schermo con “La famiglia Fang”, in sala il 1 settembre di cui è anche produttrice: al cinema le piace essere una “wild card”.

Nicole Mary Kidman, attrice e produttrice cinematografica australiana, vincitrice di numerosi premi, tra cui un Premio Oscar, tre Golden Globe, un BAFTA, un Orso d’argento, due Satellite Awards, un AFI Award, finalmente torna al cinema e in un’intervista a Repubblica racconta il suo straordinario rapporto con il cinema: “Sono imprevedibile. Al confine tra audacia e incoscienza. Non ragiono, non l’ho mai fatto, in termini di traiettoria di carriera. Mi faccio guidare solo dall’istinto e pago volentieri il prezzo dei miei errori. Ora girerò con il regista greco Yorgo Lanthimos il film Killing of a sacred deer. A Hollywood mi hanno detto ‘ma sei matta?’. Io invece lo trovo un genio e non ho paura di mettermi in gioco. Eccomi pronta per una altro personaggio da Jolly.”

A settembre sarà nelle grandi sale con una pellicola cinematografica, ‘La famiglia Fang’, diretta e co-interpretata da Jason Bateman: “Ho letto il romanzo di Kevin Wilson, che vive in Tennessee come me, e l’ho chiamato: ‘Mi permetti di trasformarlo in un bel film?’“. Nicole interpreterà la parte di un’attrice alcolista con una carriera costellata di errori sul set e nella vita privata, “una donna reale, che sbaglia ed è autolesionista, ma che cerca di sopravvivere”.

Il film si annuncia come un grande successo, la Kidman, che di strada ne ha fatta veramente tanta, guardandosi indietro alla ragazza che era, oggi a quella giovane attrice direbbe: “Di essere se stessa, anche se è dura. Ho appena girato con Jane Campion un ruolo che ha scritto per me nella seconda stagione di Top of the lake. Abbiamo ricordato il nostro primo incontro. Io le chiedevo consiglio su come essere, cosa pensare. Lei rispose ‘sii una poesia, la tua poesia’, sapendo che siamo tutti fatti di luci e ombre. La poesia è una cosa straordinaria e reale. Ci porta a sorprenderci di noi stessi, arrivando più vicini alla verità di ciò che siamo”. E diciamolo: la poesia davvero non le è mai mancata (a lei e alle sue pellicole)…

ob_3710ee_1-21

Photo Credits: Twitter

Comments

comments