Miss Giappone, scoppia la polemica: “È di razza mista”

Priyanka Yoshikawa è la nuova Miss Giappone. La reginetta è la seconda miss nipponica a far esplodere la polemica, per il suo essere haafu, di razza mista.

Ce l’ha fatta: è stata eletta Priyanka Yoshikawa; pensava che quello sarebbe stato il primo di una lunga serie di momenti meravigliosi, da aggiungere all’emozione di partecipare alla competizione di Miss Mondo…ma non è stato proprio così. La sua elezione, infatti, ha messo in moto una serie di polemiche che l’hanno portata alle luci della ribalta, nonostante non fosse quello il motivo per cui avrebbe voluto essere ricordata.

Sul web non sono mancati gli utenti che hanno condannato «il concorso di bellezza che non premia la purezza giapponese». Queste proteste vanno ad aggiungersi a quelle che seguirono l’anno scorso la vittoria della Miyamoto che fu riempita di appellativi volgari e razzisti, per la medesima ragione. La nuova Miss Giappone, Yoshikawa, ai microfoni locali ha raccontato quanto è stato duro crescere in un paese pieno di pregiudizi: “Quando sono tornata in Giappone tutti pensavano che fossi un verme – ha dichiarato amaramente – Quando mi sfioravano, avevo la sensazione che stessero toccando qualcosa di sporco. Tuttavia sono felice, perché queste sofferenze mi hanno reso una persona più forte. Adesso so che le persone di razza mista sono destinate ad aumentare in Giappone e la gente, con il passare del tempo, sarà sempre più propensa ad accettarle”. E poi ha continuato: “Prima della vittoria di Ariana a noi ragazze per metà giapponesi dicevano che non potevamo rappresentare il Giappone, in passato non avrei potuto partecipare. Lei mi ha dato coraggio, mi ha mostrato che potevo provarci, e io voglio fare come lei e dare l’esempio”

La Miss è nata a Tokyo, ma vissuta per un periodo della sua vita tra gli Usa e l’India. Priyanka oggi è un’addestratrice di elefanti professionista e tra i suoi tanti hobby conta anche la kickboxing.

Half-Indian-Priyanka-Yoshikawa-Won-Miss-Japan-Pageant

 

Photo Credits: Twitter

Comments

comments