Tutto quello che accadrà nel 2017

 

Il 2016 ormai è un capitolo chiuso ed è il momento di tuffarsi nel 2017. Ecco tutto quello che accadrà con il nuovo anno, dal calendario fino alle tasse.

Con il nuovo anno cambieranno molte cose, alcune più prevedibili, altre più inaspettate. Cominciamo dall’autostrade, con il classico e immancabile aumento dei pedaggi, per la gioia di tutti i viaggiatori che dovranno spendere di più anche questo anno. Un piccolo aumento è previsto anche per la bolletta dell’elettricità, causato principalmente dal blocco di alcune centrali nucleari francesi che ha fatto salire inevitabilmente il prezzo anche per l’Italia.

Notizie migliori arrivano dal calendario. Cadranno di venerdì l’Epifania, il 2 giugno e l’8 dicembre, di martedì il 25 aprile, Ferragosto e Santo Stefano, di lunedì il primo maggio e Natale e di mercoledì il primo novembre. Insomma, è andata bene a chi potrà permettersi un viaggio. Altra novità dovrebbe essere l’eliminazione  dei costi aggiuntivi del roaming all’interno dell’Unione Europea, prevista per il 15 giugno. Gli stessi paesi dovrebbero anche ridurre l’aliquota sugli ebook. Per quanto riguarda le Poste, aumenteranno i posti disponibili per chi cerca lavoro, ma saliranno di 50 centesimi il costo di raccomandate e assicurate.

Nel 2017 ci saranno diversi bonus. Ad esempio il premio alla nascita Mamma Domani, un assegno di 800 euro che si può chiedere attraverso l’Inps dal settimo mese di gravidanza; oppure il Buono Nido, un contributo fino a un massimo di 1000 euro l’anno, valido per i nati dal 1 gennaio 2016 e che resterà attivo per altri 3 anni. E poi rimane il bonus Bebè, che dà 80 euro al mese alle famiglie con reddito Isee inferiore ai 25 mila euro. In conclusione, quest’anno potrebbe essere quello più caldo secondo alcune previsioni. Si ritiene che la concentrazione di anidride carbonica raggiungerà livelli da record, mentre diminuiranno i ghiacciai. Non resta che prepararci per bene al 2017, consapevoli di tutte le novità che ci attendono.

2017-small

Photo Credits: Facebook