Gianluca Vacchi, guai finanziari: pignorati 10 milioni di beni

Addio allo yacht, ville e altri beni per un valore di 10 milioni, che sono stati pignorati dal Bpm per un prestito non interamente restituito. 

Lusso, belle donne e i balletti che l’hanno reso famoso su Instagram, ma per la vita di Gianluca Vacchi le cose non vanno molto bene. L’imprenditore, che ha da poco compiuto 50 anni, ha ricevuto il suo ultimo regalo di compleanno: pignoramenti. Secondo i quotidiani del gruppo editoriale Riffeser QN, il debito dell’aspirante dj è di 10 milioni di euro con il Banco Bpm. Questa cifra è collegata ad un prestito di 30 milioni di euro che gli è stato concesso dalla First Investiment spa, holding di partecipazioni di Vacchi è amministratore unico.

Al momento l’istituto bancario è entrato in possesso dello yacht, ville, azioni e quote del golf club Casalunga di Castenaso. Il patrimonio di Mister Enjoy deriva dalla famiglia, che ha una partecipazione azionaria nell’Ima, azienda multinazionale di macchine per il pagakaging. Questi non sono i primi guai finanziari per l’aspirante dj. In precedenza aveva avuto problemi con altre banche, come la richiesta di mutuo ottenuto per acquistare la villa a Porto Cervo, ma all’istituto Popolare di Vicenza non è stata mai restituita interamente la cifra erogata di 6 milioni. Sempre secondo Riffeser QN, la professione di Vacchi è: “Fancazzista. Per tenerlo lontano da Ima, che fattura 1 miliardo e 30 milioni, i cugini gli verserebbero un compenso di 5 milioni di euro l’anno“.

Mr Enjoy in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera ha spiegato i motivi di questo suo disinteressamento agli affari di famiglia: “Ho ereditato solo il tre o quattro per cento di ciò che possiedo. Dai 25 ai 45 anni, ho fatto impresa in 12 settori: viaggi last minute, roulotte, orologi… Poi è arrivata la crisi di mezza età: ho capito che, dopo aver lavorato duramente, dovevo costruire qualità della vita“.

Gianluca Vacchi, guai finanziari: pignorati 10 milioni di beni

Photo Credits Facebook

Comments

comments