Noa Jansma, selfie con i molestatori: “Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro” [FOTO]

Una ragazza olandese ha pubblicato i selfie con i suoi molestatori verbali per un mese, con lo scopo ben preciso di testimoniare questo fenomeno dilagante e sottovalutato.

“Ei bella, dove vai vestita così?”, “Sai cosa ti farei?”, “Vuoi un bacio?”. Sono solo alcune delle frasi che vengono dette dagli uomini di tutte le età nei confronti delle donne. Noa Jansma, una studentessa olandese, ha deciso di raccoglierle in un modo originale, creando il profilo Instagram Dear Catcaller, tradotto ‘Cari Stalker’. La giovane ragazza è stata intervista dall’Huffington Post Francia e ha spiegato come è nata questa pagina: “Ho avuto questa idea in mente per molto tempo, ma non avevo il coraggio di fare il primo passo. Ma quando ho chiesto a un uomo di farsi una foto con me, ha risposto con entusiasmo“. Il profilo è stato aperto un mese fa e Noa ha pubblicato 24 selfie con tutti gli uomini che l’hanno molestata, mentre era in giro per strada.

“Molti di loro pensano che farsi un selfie sia cool. Sorridono e fanno il segno dell’ok con la mano. Questo è un messaggio per tutti i genitori dei ragazzi: educateli affinché le ragazze non siano costrette a confrontarsi con questo schifo”, questa è la descrizione ad una delle foto pubblicate su Dear Carcallers. Tutte le foto riportano le battute che sono state dette dai molestatori, che hanno poi posato in un selfie con Noa. La ragazza ha poi spiegato a Redpers: “Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro“. Il suo desiderio si è avverato e in poche settimane, il suo account ha raggiunto oltre 30mila followers.

I dibattiti sotto ad ogni foto non sono mancati. Secondo alcuni utenti: “Ma che bella e dolce ragazza!” non è da considerarsi una molestia, ma come ha spiegato Noa il suo progetto aveva lo scopo di far capire a tutti, quanto sia naturale per un uomo di qualsiasi età rivolgersi ad una donna come se fosse solo ed esclusivamente un oggetto del desiderio. La studentessa olandese ha concluso il suo esperimento e come da lei stessa annunciato nell’ultimo post, l’account ora è in mano ad altre ragazze, che continueranno a mostrare quanto questo fenomeno sia vasto e sottovalutato.

Noa Jansma: "Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro" [FOTO]

Noa Jansma: "Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro" [FOTO]

Noa Jansma: "Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro" [FOTO]

Noa Jansma: "Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro" [FOTO]

Noa Jansma: "Volevo fare qualcosa che mi desse potere su di loro" [FOTO]

LEGGI ANCHE: LA VIOLENZA INVISIBILE, INFO SULL’EVENTO ORGANIZZATO DALL’ASSOCIAZIONE OBIETTIVO NO VIOLENCE

Photo Credits Instagram

Comments

comments