Jennifer Lawrence confessa: “Mi hanno chiesto di spogliarmi”

Il mondo di Hollywood e non solo è stato sconvolto dalle accuse di violenza al produttore cinematografico Harvey Weinstein: decine di attrici e modelle hanno confessato di aver subito delle molestie dall’uomo. A distanza di pochi giorni sono tante le star che hanno confessato un passato doloroso, l’ultima è stata Jennifer Lawrence.

Harvey Weinstein è un produttore hollywoodiano accusato di aver molestato attrrici, modelle e collaboratrici: negli ultimi giorni sono stati tanti i nomi che sono usciti allo scoperto e tra tutti spunta fuori anche l’attrice italiana Asia Argento. Sull’onda del caso Weinstein, tante star hanno raccontato del difficile passato e degli abusi subiti per cominciare la carriera e, una tra tutte, Jennifer Lawrence ha rivelato ciò che le è stato chiesto di fare nei primi anni da attrice.

Jennifer è salita sul palco dell’ Elle Women in Hollywood e ha raccontato le esperienze “degradanti e umilianti” a cui è stata sottoposta all’inizio della sua carriera nel cinema. “Quando ero molto più giovane e ho iniziato a recitare, i produttori di un film mi hanno chiesto di perdere 15 libbre (circa 7 chili) in due settimane. Durante questo periodo una produttrice mi ha fatto mettere in fila nuda accanto ad altre 5 donne che erano molto, molto più magre di me. Eravamo una a fianco all’altra con solo una mascherina per coprire le parti intime”. Non solo il provino non le ha fatto ottenere la parte, ma la produttrice le ha detto che avrebbe dovuto prendere la sua immagine da esempio come monito per perdere peso.

L’attrice ha confessato di essersi sentita in trappola e di non aver saputo come reagire: “Ho lasciato che mi trattassero così perché ho sentito di doverlo fare per la mia carriera”. Solo ora Jennifer Lawrence si è resa conto di cosa ha subito e adesso la pensa diversamente: “Ora basta, non dobbiamo più considerare normali queste orrende situazioni”.

Photo Credits Facebook

 

Comments

comments