Time premia le donne vittime delle violenze: le “Silence Breakers” elette “persona dell’anno 2017”

La prestigiosa rivista americana Time quest’anno ha premiato le donne: le “Silence Breakers”, le vittime che hanno denunciato le molesti sessuali, guadagliano il titolo di persona dell’anno 2017 spodestando Donald Trump, il presidente degli USA vincitore dell’anno precedente.

Il caso Weinstein ha scosso il mondo di Hollywood e non solo: il vasi di Pandora ha creato un effetto domino che ha portato le donne di tutto il mondo a denunciare le molestie sessuali subite. Queste donne che hanno avuto il coraggio di rompere il silenzio e denunciare le violenze sono state chiamate Silence Breakers e hanno dato vita ad un movimento chiamato #metoo, nato come “atto di coraggio individuale che ha portato ad una resa dei conti collettiva”.

Il Time, la nota rivista americana, ha scelto di premiare queste donne coraggiose eleggendo le Silence Breakers come “persona dell’anno 2017”, creando una copertina ad hoc con cinque rappresentanti del movimento. La scelta non è ricaduta su cinque presenze femminili a caso, ma su cinque modelli da prendere come esempio: Ashley Judd, una delle prime a denunciare il produttore Weinstein, Susan Fowler, l’ingegnera di Uber che ha raccontato della misogenia all’interno dell’azienda portando al licenziamento di molti dipendenti, Adama Iwu, creatrice del sito We said enough per denunciare le molestie nel mondo del lavoro e della politica, Taylor Swift, vincitrice della causa contro il dj che l’ha molestata durante un concerto, e Isabel Pascual, che ha raccontato pubblicamente le minacce ricevute per aver denunciato le molestie.

Silence Breakers vince il titolo e batte personalità maschili molto forti, come ad esempio il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump, vincitore del premio nel 2016. ” Ci sono individui che ispirano il mondo e queste donne hanno spinto tutti a smettere di accettare l’inaccettabile”, ha dichiarato il direttore della rivista Edward Felsenthal.

Photo credits Facebook

Comments

comments