Il Messico di Frida Kahlo al Mudec di Milano dal 1° febbraio al 3 giugno

“Mi consideravano surrealista ma non è vero. Non ho mai dipinto sogni. Quel che ho raffigurato era la mia realtà”.

Frida Kahlo con il suo patrimonio artistico per la prima volta sarà in Italia in forma inedita. Dal 1 febbraio al 3 giugno 2018 si terrà al MUDEC di Milano una mostra unica nel suo genere per ammirare per la prima volta, le opere provenienti dal Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e dalla Jacques and Natasha Gelman Collection, le due più importanti e ampie collezioni di Frida Kahlo al mondo. Una mostra il cui scopo è quello di penetrare a fondo nel suo mistero e nella sua anima tormentata. “La leggenda che si è creata attorno alla vita dell’artista è spesso servita solo ad offuscare l’effettiva conoscenza della sua poetica e l’opera si è vista rimpiazzata dalla vita e l’artista irrimediabilmente ingoiata nel mito”, spiega il curatore della mostra Diego Sileo.

Un progetto frutto di sei anni di studi e ricerche, reso possibile dall’impegno di Diego Sileo in Messico, dai documenti inediti rinvenuti nell’archivio di Casa Azul svelati nel 2007 e da altri archivi che per la prima volta hanno contribuito alla mostra. Un evento che vuole analizzare nel dettaglio ogni singola tela e propone una Frida meno facile: anche solo analizzando la scelta dell’ambiguo Autoritratto con scimmia del ’38 come immagine-simbolo della mostra lo testimonia. Lo si capisce dalla cura dei dettagli nei fondali dei suoi autoritratti così come dalle tecniche utilizzate. Questo evento, ha lo scopo di indagare il personaggio di Frida partendo proprio da quattro tematiche principali: La Donna, La Terra, La Politica e Il Dolore per scoprire un’artista capace di mettersi a nudo come nessuna prima di lei, ma anche attenta a coprirsi, nel momento opportuno. Saranno esposte più di cento opere, tra una cinquantina di dipinti, disegni e fotografie.

Non solo una mostra, ma un intero complesso di conferenze ed eventi che accompagneranno questo percorso conoscitivo nei mesi dell’esposizione. In programma è previsto anche un appuntamento con il Festival della cultura messicana, che ha l’obiettivo di coinvolgere i visitatori del MUDEC in tante attività e laboratori per bambini e adulti, atelier di pittura e tessitura con artisti messicani alla scoperta del colore e della bellezza della natura, rappresentata nelle opere di Frida Kahlo.

Comments

comments