Arriva in finale a Miss Virtual Kazakistan ma poi ammette la sconvolgente verità

“Sono arrivato in finale e ho deciso di esporre l’identità di Arina Alieva quando ho capito che era andato troppo lontano”. Queste le dichiarazioni shock di Miss Kazakistan che rivelato la sua vera identità.

Ilay Dyagilev, 22 anni, ha ingannato tutti, cambiando la sua identità in quella di Arina Alieva e battendo circa 4.000 candidati nell’ultima fase della competizione del concorso “Miss Virtual Kazakistan”. Tutto nasce da una discussione che Ilay ha avuto con dei suoi amici, infatti il ragazzo ha affermato: “Io e i miei amici abbiamo avuto un dibattito sulla bellezza e ho deciso di prendere parte al concorso. Sono sempre stato un campione di bellezza naturale. Si può vedere come molte ragazze sembrano identiche, tutte con lo stesso trucco, lo stesso stile e credono di essere belle seguendo le tendenze. Io non la penso così”

Tutto era iniziato per gioco, ma di volta in volta, riusciva ad avanzare nella competizione e quando ormai si è reso conto di essersi spinto troppo oltre ha rivelato tutto. Ilay ha ammesso di essere un uomo e di aver attuato la trasformazione con trucco, abiti e accessori grazie all’aiuto della sua compagna. Il messaggio del ragazzo è semplice ma efficace: lui spiega come le ragazze, al giorno d’oggi, non si differenziano più tra loro per delle caratteristiche fisiche o delle particolarità nel look, al punto che anche un uomo, se ben truccato, può sembrare una di loro.

Ilay ha svelato la sua vera identità qualche giorno dopo essere arrivato in finale, confessando agli organizzatori di Miss Virtual Kazakhstan e a tutti coloro che hanno votato per lui che in realtà era tutta una farsa. Ovviamente il ragazzo è stato squalificato e sostituito dalla 18enne Aikerim Temirkhanova. Ma non è la prima volta che un uomo si finge donna e arriva a vincere un concorso di bellezza femminile. Si può ricordare infatti quando, in Russia, il 20enne Andrey Nagorny si era finto donna ed aveva posato in lingerie, vincendo il concorso. Ma gli organizzatori, dopo averlo scoperto, hanno deciso di privarlo del titolo vinto e del premio.

Comments

comments