Arabia Saudita, shock per la minigonna: caccia alla ragazza [VIDEO]

Una giovane modella posta sui social un video in minigonna che ha scandalizzato l’Arabia Saudita e adesso è ricercata dalla polizia. 

Ogni Paese ha la propria cultura, religione, valori e regole. Chi di più ampie vedute e chi no. L’Arabia Saudita rientra in quella parte di mondo che con la propria religione impone delle regole molto rigide al popolo e in particolare alle donne. Una giovane ragazza ha sfidato questi dettami, pubblicando su Snapchat un video mentre passeggia a piedi nudi in uno storico fortino in Ushaiager, a Nord di Riad. A suscitare il grande shock è l’abbigliamento della modella: una minigonna e una tshirt.

La giovane non ha rispettato il diktat in vigore in Arabia Saudita, dove la donna deve indossare l’abaya, una tunica nera che copre dalla testa ai piedi, non può girare senza essere accompagna da un parante di sesso maschile e non può guidare. Il video è diventato subito virale e ora la polizia sta dando la caccia alla modella, della quale si conosce solo il nickname Kuhlood.

Questo filmino ha creato un vero shock nel regno saudita dividendo l’opinione pubblica. Il giornale Okaz ha riportato la richiesta delle autorità locali di prendere seri provvedimenti nei confronti della ragazza. Questa reazione è sostenuta anche da tante altre persone, come Khaled Zidan, giornalista, che ha detto: “Il ritorno di Haja, la polizia religiosa, è un must. Dobbiamo rispettare le leggi del nostro Paese. In Francia il niqab è bandito e le donne vengono multate se lo usano. In Arabia Saudita, indossare abaya e vestiti semplici è parte della nostra legislazione“. Fortunatamente non tutti la pensano allo stesso modo, c’è chi come Wael al-Gassim: “Pensavo avesse ucciso qualcuno. Mi chiedo come possa avere successo Vision 2030 se verrà arrestata”. Vision 2010 è il programma di riforme promosso dal principe Mohammed bin Salman, il futuro erede al trono.

Arabia Saudita, shock per la minigonna: caccia alla ragazza [VIDEO]

Photo Credits Facebook

Comments

comments