Maria Callas, a 40 anni dalla morte il mito e la voce dell’intramontabile Divina [VIDEO]

Maria Callas, il soprano donna più famoso al mondo, a quarant’anni dalla sua morte il mito e la sua voce sono intramontabili e ancora oggi è la Divina.

Vita

Maria Callas era nata il 2 dicembre il 1927 a New York, ma in realtà non si è mai saputo con certezza la data di nascita che potrebbe essere il 3 o il 4 dicembre. I suoi genitori erano di origini e greche e dopo la separazione, la Callas era tornata ad Atene con la madre e lì aveva intrapreso i suoi studi di canto. In realtà il suo nome era Anna Maria Cecilia Sophia Kalogeropoulos. Il soprano aveva deciso di tornare in America per proseguire i suoi studi canori e per mantenersi lavorava come baby sitter in casa di un amico di Toscanini e proprio con questo lavoro aveva ottenuto la sua prima scrittura per interpretare nel 1947 La Gioconda di Ponchielli all’Arena di Verona.

Carriera

Proprio a Verona e in occasione del suo primo debutto, la Callas aveva conosciuto quello che sarebbe diventato poi suo marito e manager Battista Meneghini, industriale, ma il successo arriverà l’anno successivo, quando a Firenze Maria interpreterà la Norma di Bellini. Saranno più di 90, le volte in cui la Callas si esibirà con quest’opera, fino ad arrivare ad ottenere una “sua” aria la Casta diva. Grazie alle sue doti canori, la cantante con la sua voce scura e corposa riusciva a coniugare agilità e virtuosismo. “Le arie vanno eseguite come se fossero un unico grande respiro per cercare di coinvolgere il pubblico. La ricompensa più grande per un cantante è accorgersi di riuscire a stregare gli ascoltatori: quando senti che il pubblico trattiene il respiro mentre tu canti un’aria è una sensazione unica“, queste le parole della Divina, così era chiamata e lo è ancora oggi, per raccontare le emozioni che provava quando si esibiva. La Callas si è esibita nei teatri più prestigiosi di tutto il mondo: al Metropolitan di New York, La Scala di Milano, Covent Garden di Londra alla presenza della Regina Elisabetta nel 1965 e questa è stata la sua ultima esibizione di un’opera completa interpretando la Tosca.

Amore

Nel 1959 la Callas insieme al marito Meneghini vennero invitati nel lussuoso panfilo Christina di Aristotele Onassis. Quella fu la prima volta che incontrò l’armatore e finanziere greco. Un amore a prima vista. Subito dopo il soprano lasciò il marito per intraprendere la storia d’amore con Onassis e da quel momento le cose cambiarono e i rotocalchi iniziarono ad interessarsi anche alla vita privata della cantante. La loro storia destò molto scandalo, soprattutto veniva contestata l’evidente differenza d’età, lui aveva 53 anni, mentre lei 36 anni. Quest’amore fu struggente e difficili per la Callas e lei stessa lo definì: “Un amore brutto e violento”. La storia terminò quando Onassis intraprese una relazione con la giovane vedova Jackie Kennedy. La Callas e l’armatore greco ebbero un figlio, Omero, che è morto dopo qualche ora dal parto e la notizia è stata mantenuta sempre segreta, perché Onassis voleva che abortisse.

Morte

Purtroppo non sono che una donna con le sue debolezze. Dico purtroppo perché nel mio lavoro non si possono avere debolezze, dubbi. E io ho sempre molti dubbi, ho sempre paura di non rendere giustizia a me stessa. Per questo ho bisogno del calore della gente: essere amata non mi fa sentire sola” ed era sola il 16 settembre 1977 nella sua casa a Parigi ad avenue Georges Mandel, Maria Callas moriva in solitudine quarant’anni fa. Negli ultimi anni della sua vita aveva scelta di ritirarsi dalla vita pubblica ed è morta a seguito di un arresto cardiaco come è stato dichiarato dal medico dopo il decesso e le presunte voci di suicidio. Poco prima di morire la cantante in un anno perse 50 chili, che la portarono ad avere dei problemi medici, oltre alla disfunzione ghiandolare.

Maria Callas, a 40 anni dalla morte il mito e la voce dell'intramontabile Divina [VIDEO]

Maria Callas, a 40 anni dalla morte il mito e la voce dell'intramontabile Divina [VIDEO]

Photo Credits Facebook

Comments

comments