Gianni Versace, ecco la villa da mille e una notte dove è stato ucciso lo stilista [VIDEO]

Vent’anni dall’omicidio di Gianni Versace sulle scalinate della sua villa a Miami: ecco com’è diventata casa Versace.

Era il 15 luglio 1997 e Gianni Versace alle nove del mattino veniva assassinato a colpi di pistola da Andrew Cunanan sulle scale della sua casa a Miami. La villa rinascimentale in Art Decò è del 1930 e si trova al numero 1116 di Ocean Drive. Tra il 1992 e il 1997, Gianni organizzava party esclusivi in cui partecipavano solo uomini, eccezione fatta solo per Donatella Versace e la figlia Allegra, con la quale lo stilista aveva un rapporto unico e speciale. Le feste si svolgevano tutte tra il giardino e la corte interna dove si affacciano le camere della residenza.

Dopo quella tragica mattina, la villa è stata acquistata da un poliziotto che organizzava feste di tutt’altro genere e poi ha avuto tanti altri proprietari. La casa ha trovato finalmente un po’ di pace nel 2013 quando è stata venduta all’asta per 41,5 milioni di dollari alla famiglia Nakash, proprietaria del brand Jordache e di altri alberghi di lusso. I nuovi proprietari hanno reso la casa di Versace un albergo da mille e una notte. Una Boutique hotel da 10 suite. Ogni stanza è rimasta intatta, lasciando le decorazioni che sono stata scelte personalmente dallo stilista.

La stanza più cara ovviamente è quella di Versace ed è stata chiamata la Venus Suite, con vista sull’oceano. All’interno dell’albergo, c’è il ristorante italiano Gianni’s, in onore del mito della moda, e si mangia a bordo piscina circondata da mosaici e rivestita in oro 24 carati. I turisti curiosi non possono entrare a meno che non si decida di andare a cena, con previa prenotazione dalle sei di pomeriggio in poi.

Gianni Versace, ecco la villa da mille e una notte dove è stato ucciso lo stilista [VIDEO]

Gianni Versace, ecco la villa da mille e una notte dove è stato ucciso lo stilista [VIDEO]

Gianni Versace, ecco la villa da mille e una notte dove è stato ucciso lo stilista [VIDEO]

Photo Credits Facebook

Comments

comments