"
Primo pianoShowbiz

L’Apocalisse arriverà in occasione della Luna di Sangue: ecco quando sarà

Un nuovo allarme è stato lanciato dagli scienziati: la fine del mondo avverrà il prossimo 31 gennaio 2018 e i segnali dell’Apocalisse sono già ben visibili a tutti noi…

Gli scienziati hanno lanciato un nuovo preoccupante allarme sull’Apocalisse: il nostro pianeta è sempre più vicino alla fine e secondo gli esperti ormai manca davvero poco. Questa nuova profezia non è nata da una diversa interpretazione dei versi della Bibbia, ma da un preciso avvertimento scritto proprio nelle Sacre Scritture.

Negli ultimi mesi, infatti, si era parlato dell’interpretazione di Nostradamus, noto astrologo e letterato francese vissuto circa 500 anni fa, che con le sue preoccupanti profezie ha previsto l’arrivo di otto precisi eventi che si verificheranno nell’anno in corso. Per il momento è davvero difficile affermare con certezza se queste previsioni shock accadranno o meno, ma ci sono due nuovi sconvolgenti fatti che ribaltano tutta la teoria sulla fine del mondo.

Sembra infatti che gli scienziati siano riusciti a decifrare alcuni versi della Bibbia dove vengono citati due eventi che annunciano l’avvicinarsi dell’Apocalisse: “Quando si è aperto il Sesto Sigillo, ho guardato e c’è stato un grande terremoto il Sole è stato bloccato e la Luna è diventata come di sangue”, si legge nelle Sacre Scritture. Attraverso queste parole gli esperti sono riusciti a identificare di quali eventi si tratta: il terribile terremoto avvenuto in Alaska di magnitudo 7.9 e  la Luna di Sangue, un evento celeste atteso proprio in questi giorni. Secondo gli scienziati il verificarsi di questi due eventi costituisce un avvertimento certo per prepararsi all’Apocalisse. La fine del mondo dovrebbe quindi verificarsi il 31 gennaio 2018. Ma il pericolo è davvero reale? La Nasa, la più famosa agenzia spaziale, fa sapere che l’arrivo della Superluna non corrisponde a nessun evento catastrofico, anzi è un raro evento astronomico alla quale avremo la possibilità di assistere dopo 152 anni. Pericolo scampato, almeno per il momento.

 

Photo Credits Facebook

Back to top button
Privacy