Scandalo a corte: svelato l’intimo della Regina Elisabetta

Uno storico marchio inglese di lingerie ha pubblicato alcuni dettagli della biancheria indossata dalla Regina Elisabetta: Sua Maestà non ha gradito e ora la stilista non è più tra i fornitori ufficiali della corona inglese.

Scandalo nella corte inglese: la Regina Elisabetta ha deciso di revocare la royal warrant, una sorta di “patentino” che qualifica le case di moda di essere tra i fornitori ufficiali della famiglia reale, ad uno dei brand di lingerie che lo possedeva dal lontano 1960. A scatenare la furia di Sua Maestà sono state alcune rivelazioni fatte dalla stilista a capo dell’azienda nel suo nuovo libro: la Regina non ha infatti gradito che nelle pagine pubblicate siano stati svelati alcuni suoi dettagli intimi.

Nulla di scabroso ma solo un aneddoto che la riguarderebbe in prima persona: Jane Kenton, la stilista che dirige la Rigby & Peller, ha raccontato di un particolare episodio durante la quale la Regina, impegnata in una seduta di prova di lingerie, avrebbe provato alcuni capi davanti ai suoi servitori. E’ bastata questa piccola rivelazione per far cancellare il nome dell’azienda dai fornitori ufficiali della Royal Family.

Il commento pubblicato da Buckingham Palace è severo e rigoroso così come lo è Sua Maestà: “Il libro non è piaciuto” e quindi l’azienda non rifornirà più la Regina con i suoi capi di biancheria intima. A 91 anni la Queen Elizabeth ha dimostrato di essere una vera esperta in fatto di moda, assistendo personalmente ad una sfilata in passerella al fianco di Anna Wintour, per cui non c’è dubbio che la sovrana sia molto esigente nel settore. Il carattere determinato della Regina non si rivela solo nella scelta dei suoi capi di vestiario, ma anche nella volontà di mantenere segreti i suoi gusti. La riservatezza è tutto: niente più segreti, niente più royal warrant.

Photo Credits Facebook

Comments

comments