I 10 hotel “horror” più spaventosi al mondo

Quanti di voi, arrivando in vacanza in hotel prenotato magari in fretta su internet si sono ritrovati in un incubo a tinte horror? Questo perchè in realtà non avete ancora visto la classifica degli hotel da incubo più spaventosi del mondo…

Quali sono gli hotel da incubo più spaventosi del mondo? Tra leggende e tragedie d’amore, è statilata una classifica degli alberghi ove fantasmi e spiriti sono ancora lì che aleggiano tra le camere… Nella classifica c’è anche un hotel italiano. In Spagna a Cardona, c’è il magnifico castello Parador de Cardona, ove a parte una vista meravigliosa sulla campagna catalana, pare alberghi ancora il fantasma di Adales,  figlia del visconte Raimon Folch. La giovane donna, costretta alla reclusione, non si diede pace e pare si aggiri ancora nella camera 712.

Nell’hotel norvegese a Geilo, il Dr. Holms, una vecchia signora nel 1926 si tolse la vita per amore e si aggira ancora tra i corridoi dell’albergo e più precisamente il suo fantasma pare sia ben presente nella stanza 320.

In Italia, a Benevento, non tutti sanno che la cittadina campana è molto nota come la città delle Streghe, ove aleggia l’antica leggenda risalente al XII secolo. Per i beneventani, le stregonerie più strane avvenivano sulle rive del fiume Sabato; si narra inoltre che fino a qualche secolo fa le Streghe danzavano e cantavano prima di prendere il volo. L’hotel Villa Traiano sorge in pieno centro con vista sul fiume…

Non poteva certo mancare tra gli hotel più spaventosi al mondo, il famosissimo The Stanley, a Estes Park negli Stati Uniti. Questo albergo ha ispirato uno dei film horror cult, Shining. Stephen King, creatore del romanzo che ha ispirato il film, ha soggiornato nella camera 217 dello Stanley Hotel ,in Colorado e secondo una leggenda pare che nella stanza 418 lo spirito di alcuni bambini disturbi ancora il sonno degli ospiti. Se vi doveste trovare a soggiornare per una gita avventurosa proprio nel suddetto hotel , diffidate da due gemelline che vi invitano a giocare con loro…

Photo Credits Facebook

Comments

comments