"
Primo pianoShowbiz

All’asta la lettera con la quale Tupac ha lasciato Madonna [FOTO]

Dopo anni di silenzio ecco che la relazione top secret di Madonna con Tupac viene alla luce: la lettera con la quale il rapper ha lasciato la Material girl sarà venduta all’asta.

Non sarà più un segreto ormai la breve relazione che c’è stata tra Madonna e Tupac e nemmeno i motivi per cui la Material Girl è stata lasciata: i due artisti hanno avuto una storia nel 1995 e hanno cercato di mantenerla segreta al gossip mondiale. Tuttavia non esisterà più nessun mistero tra pochi mesi: sembra infatti che la lettera con la quale il rapper ha scritto la parola fine nella loro relazione sarà vendutà all’asta il prossimo luglio.

Nonostante Madonna abbia fatto causa alla ex assistente, Darlene Lutz, la donna responsabile di averle sottratto alcuni oggetti personali (compresa la lettera), la cantante vedrà il tutto finire in vendita. La Corte suprema di New York ha infatti rigettato la richiesta della cantante che avrebbe impiegato troppo tempo prima di far causa alla Lutz. Nemmeno il fatto che Madonna sia venuta a conoscenza dei furti solo lo scorso luglio ha fatto cambiare idea ai giudici: tra le due donne ci sarebbe infatti un accordo sottoscritto nel 2004 e quindi la ex assistente ora può mettere in vendita i vari oggetti, tra cui indumenti intimi e perfino una ciocca di capelli della cantante.

Ciò che però ha attirato di più l’attenzione dei media è la famosa lettera scritta da Tupac con la quale ha messo fine alla relazione: alcuni stralci erano già stati pubblicati l’anno scorso ma ora è stato diffuso l’intero contenuto. “Se ti facessi vedere in giro con un nero la tua carriera non ne risentirebbe. Anzi, potrebbe anche farti apparire una persona più aperta e passionale. Per quanto mi riguarda, invece, questa relazione comprometterebbe la mia immagine… se mi vedessero con te deluderei metà delle persone che mi hanno reso quello che sono”, ha scritto il rapper un anno prima di morire.

Photo Credits Facebook

Back to top button
Privacy