Annalisa Minetti potrebbe tornare a vedere: “Grazie a mia figlia è possibile”

La cantante ha conservato il cordone ombelicale della sua seconda figlia Elèna e grazie agli sviluppi della ricerca sulle cellule staminali può essere utilizzato per contrastare la sua retinite pigmentosa, che le impedisce di vedere. “E’ un dono che Elèna ha fatto a me e alla mia famiglia”, ha dichiarato.

A quasi due mesi dalla nascita della sua seconda figlia, Elèna, avvenuta il 29 marzo 2018, la nota cantante e campionessa paralimpica Annalisa Minetti torna a parlare di sé, ed ha buone notizie per i suoi fan. Ospite a Domenica Live, la Minetti ha dichiarato di essere al settimo cielo per la nascita di Elèna, quando ormai né lei né il marito ci credevano più. Annalisa ha confessato di aver conservato il cordone ombelicale di sua figlia e il motivo starebbe nei passi da gigante della ricerca sulle cellule staminali, che potrebbe servire sia per curare la retinite pigmentosa di cui soffre la cantante dall’età di 18 anni, sia in futuro per qualche altro membro della famiglia.

Farlo è stata una delle cose più intelligenti che potessi fare, è un dono che Elèna ha fatto a me e che io faccio alla mia famiglia”, queste le parole dette dalla Minetti nel salotto di Barbara D’Urso. Ha aggiunto poi che è in attesa di un’operazione che avrà l’obiettivo di mantenere vivi alcuni ricettori all’interno dei suoi occhi, e che le staminali possono rivelarsi una buona risorsa per il buon esito dell’operazione.

Elèna è, come già detto, la seconda figlia di Annalisa Minetti, ma la prima avuta da Michele Panzarin. Il primogenito Fabio infatti è nato dopo il precedente matrimonio, in seguito ad un aborto spontaneo che Annalisa ha dovuto sostenere precedentemente. Dopo molto dolore pare prospettarsi un futuro molto più roseo per la bella cantante, e noi tutti ce lo auguriamo.

Photo credits Facebook

 

Comments

comments