"
LifestylePrimo piano

Picnic, le migliori idee per il pranzo all’aperto

Il picnic è sempre una buona idea per la pausa pranzo: permette di mangiare all’aria aperta e distrarsi per un attimo dalla triste vita lavorativa. Tra gli italiani è un abitudine che si sta diffondendo moltissimo ed ognuno può pranzare con ciò che più gli piace. Ecco alcune idee per il picnic perfetto.

A chi non piace pranzare all’aria aperta, insieme agli amici o ai colleghi, e per circa un’ora smettere di pensare ai problemi o agli impegni da affrontare nelle ore successive? In realtà a nessuno, per questo motivo l’abitudine di fare un picnic all’ora di pranzo è aumentata notevolmente negli ultimi anni, soprattutto nelle grandi città. Le persone preferiscono mangiare fuori delle quattro mura dell’ufficio e godersi le belle giornate estive di questo periodo, distogliendo per qualche minuto lo sguardo dal computer e dalle scartoffie sulla scrivania. Secondo una ricerca condatta da Buitoni e San pellegrino, la location più adatta per il 54% dei picnic lovers è il parco.

Le origini del picnic vanno ricercate in Francia, quando circa quattrocento anni fa i nobili, tra una battuta di caccia e l’altra, amavano stendersi sui prati e mangiare all’aperto. Se è venuta voglia anche a voi di fare un picnic durante la pausa pranzo, vi suggeriamo qualche pietanza da portare al parco più vicino al vostro ufficio:

  1. Essendo stato ieri 18 giugno il Sushi Day, se vi piace la tipica pietanza giapponese potrebbe essere una buona idea pranzare con qualche uramaki e sashimi, acquistabili nei numerosi sushi bar che ormai trovate ovunque.
  2. Se siete più tradizionalisti, potete optare per un piatto cucinato a casa, come la pasta, oppure il classico panino o un trancio di pizza.
  3. Per chi si reca al parco con la propria metà consigliamo qualcosa di più sofisticato, corredato da una tovaglia bianca e una mazzo di fiori che da quel tocco di classe in più.
  4. Per un pranzo più leggero, frutta di stagione oppure una bella insalata, in modo da non accusare la tipica sonnolenza una volta tornati in ufficio.

Photo credits Facebook

Back to top button
Privacy