"
Glamour & GossipPrimo piano

Audrey Hepburn, 25 anni dopo: in mostra le foto “oltre lo schermo”

A 25 anni dalla morte di Audrey Hepburn, scomparsa il 20 gennaio 1993, il mito dell’attrice continua a vivere. Per questo motivo, venerdì 17 agosto sarà inaugurata la mostra Audrey Hepburn: Beyond the screen, che fino al 30 settembre esporrà le immagini dell’attrice britannica scattate da sei grandi fotografi quali Terry O’Neill, Norman Parkinson, Bob Willoughby, Eva Sereny, Mark Shaw e Douglas Kirkland. Si tratta di scatti ripresi per Life e altre riviste dell’epoca, che ritraggono l’attrice in momenti privati o agli Studios per servizi di moda o interviste sui suoi film di maggiore successo, da Colazione da Tiffany a Sabrina. Ecco tutti i dettagli sulla mostra dedicata ad Audrey Hepburn…

Sono passati venticinque anni dalla morte di Audrey Hepburn, avvenuta il 20 gennaio 1993 all’età di 64 anni, ma il mito dell’attrice non è mai tramontato. Alcune immagini della star britannica sono diventate iconiche nell’immaginario collettivo, ma altri scatti sono rimasti più ‘segreti’.

Il prossimo venerdì 17 agosto la galleria Proud Central di Londra inaugurerà la mostra Audrey Hepburn: Beyond the screen, che fino al 30 settembre esporrà le immagini dell’attrice scattate da sei grandi fotografi, quali Terry O’Neill, Norman Parkinson, Bob Willoughby, Eva Sereny, Mark Shaw e Douglas Kirkland. Ma quali sono le immagini che saranno esposte? Si tratta di scatti ripresi per Life o altre riviste dell’epoca d’oro della star, immortalata in momenti privati o agli Studios per servizi di moda o a corredo di interviste che hanno raccontato i suoi film di maggiore successo come Colazione da Tiffany e Sabrina.

A distanza di 25 anni dalla morte di Audrey Hepburn, l’attrice è ancora oggi un’icona di stile ed eleganza, copiatissima dalle ragazze di oggi. E non solo dalla gente comune. L’abito nero di Dior indossato il 10 luglio 2018 da Meghan Markle per affacciarsi al balcone di Buckingham Palace in occasione dei 100 anni della RAF è stato interpretato da alcuni come un tributo proprio allo stile di Audrey Hepburn.

Photo credits: Facebook

Back to top button
Privacy