"
Primo pianoShowbiz

La mamma di Demi Lovato rompe il silenzio sull’overdose della figlia

La mamma di Demi Lovato, Dianna De La Garza, ha rotto il silenzio sull’overdose della figlia dello scorso luglio. La donna è intervenuta ai microfoni di ‘Newsmax Tv’ per promuovere il suo libro Falling With Wings: A Mother’s Story e, sostenendo di avere il permesso della figlia, ha raccontato quei difficili momenti, confermando che si è trattato proprio di una overdose. Parlando di quel giorno, ha detto: “Ho iniziato a ricevere tutti quei messaggi, con scritto: ‘Ho sentito la notizia, mi dispiace così tanto, prego per la tua famiglia, prego per Demi.’. Io ero sotto shock, tipo: ‘Che cosa sta succedendo?!’. Il mio cuore si è fermato”. Poi, Kelsey (l’assistente di Demi Lovato, n.d.r.), l’ha chiamata: “Era vaga, come quando devi dire qualcosa di terribile. Mi disse: ‘Ho bisogno di dirti cosa sta succedendo, vedrai un rapporto. Le parole successive che uscirono dalla sua bocca sono state parole difficili da ascoltare per un genitore: ‘Demi ha avuto un’overdose’. Ero sotto shock, non sapevo cosa dire. Era una cosa che non mi aspettavo di sentire, come ogni genitore con i propri figli. Ho esitato un po’, ma dovevo chiederglielo: ‘Sta bene?’, le ho chiesto. Ha aspettato un momento e ha risposto: ‘È cosciente, ma non parla’. A quel punto ho capito che eravamo in pericolo”.

Dianna De La Garza ha poi proseguito, raccontando di aver portato le altre sue figlie al pronto soccorso del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, per vedere la loro sorella. Ha rivelato: “Era in cattive condizioni, ma io le dissi: ‘Demi, sono qui, ti voglio bene’. E a quel punto, lei mi disse: “Ti voglio bene anch’io’. Da quel momento in poi, mi sono ripromessa di non pensare mai che le cose non sarebbero andate bene. Per due giorni non abbiamo saputo se c’è l’avrebbe fatta o no. Credo che la ragione per cui Demi è viva oggi sta nei milioni e milioni di preghiere che sono arrivate quel giorno”. Sulle attuali condizioni di salute di Demi Lovato, ha aggiunto: “È felice, è sana, sta lavorando sulla sua sobrietà e sta ricevendo l’aiuto di cui ha bisogno. Questo di per sé mi dà coraggio sul suo futuro e su quello della nostra famiglia”.

Photo credits: Facebook

Back to top button
Privacy