L’agenda dell’arte. Le mostre di gennaio e alcune anticipazioni per febbraio

Lo sapevate che il nome del mese di gennaio deriva dal dio romano Giano, antica divinità delle porte, dei ponti e dei viaggi? Allora perché non muoversi per una bella gita all’insegna dell’arte? Ecco qualche consiglio per i vostri week-end invernali per questo mese e per febbraio…

ARTE FIERA

Per più di dieci anni la prima fiera d’arte contemporanea in Italia ha avuto luogo a Bologna l’ultimissimo week-end di gennaio. Tuttavia, già dall’anno scorso Arte Fiera è stata spostata di qualche giorno. E’ infatti dall’1 al 4 di febbraio che si svolgerà la manifestazione più attesa dell’anno, ospitata come sempre tra i padiglioni di Piazza della Costituzione. L’edizione 2019 è la prima sotto la direzione artistica di Simone Menegoi e punta al rinnovamento su vari fronti: dalla grafica al programma di eventi in città. Si parte dalle sezioni, solo due: Main section e Fotografia e Immagini in movimento. La prima spazia dal Moderno e dall’arte postbellica, storici punti di forza di Arte Fiera, fino al contemporaneo di ricerca. La sezione di Fotografia, aperta al video e completamente rinnovata nei contenuti, è affidata alla direzione artistica di FANTOM, piattaforma curatoriale nata tra Milano e New York nel 2009. Le gallerie partecipanti sono 142 in totale, tra big – come Galleria Continua, Mazzoleni e de’ Foscherari – e young come ABC-ARTE di Genova e GALLLERIAPIù di Bologna. E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line http://www.artefiera.it/visitatori/ticket-online/2039.html

 

SET-UP CONTEMPORARY ART FAIR

SetUp
Edizione 2018
Photo credit: ROSY DENNETTA

Rimaniamo in territorio bolognese, poiché in questo periodo la città offre una straordinaria offerta in quanto ad eventi artistici. Set-Up è una fiera d’arte contemporanea emergente diretta e ideata da Simona Gavioli che si terrà a Palazzo Pallavicini dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019 (Via San Felice, 24). All’interno di una dimora storica che sorge nel cuore di Bologna, troveranno spazio 25 gallerie, di cui 22 italiane e 3 provenienti dagli Stati Uniti, dalla Francia e dalla Spagna. Il tema dell’edizione 2019 è Itaca, l’isola di Ulisse: il fine delle sue avventure, il motore dei suoi viaggi, perché SetUp da sette anni è l’isola che attrae i marinai dell’arte. Tanti i premi, le novità e i progetti speciali organizzati all’interno della fiera, a partire dal progetto intitolato Luca Maria Castelli | Esegesi della libertà, a cura di Maria Letizia Tega. Nelle fotografie di Castelli è ritratta una Penelope moderna, che, oggi come allora, vive di contraddizioni. E poi ancora Islanders, una mostra di video realizzati da tre artisti e da un duo provenienti da diverse isole del mondo (Cuba, Gran Canaria, Palma di Maiorca e Capo Verde). Per finire, la ravennate Caterina Morigi esporrà un’opera site-specific in un salone affrescato dell’antico palazzo nobiliare bolognese. Un contrasto tra l’antico e il moderno tutto da ammirare!

Napoli: Palazzo Zevallos Stigliano: allestimento mostra “Rubens, Van Dick, Ribera – La Collezione di un Principe”
Ph: Roberto Della Noce

 

RUBENS, VAN DYCK, RIBERA. LA COLLEZIONE DI UN PRINCIPE

Proponiamo un “tuffo” nell’arte antica, consigliando una mostra assai interessante in corso fino al 7 aprile alle Gallerie d’Italia di Napoli dal titolo Rubens, Van Dyck, Ribera. La collezione di un principe. L’esposizione riporta eccezionalmente a Palazzo Zevallos Stigliano  (sede del museo) la prestigiosa collezione appartenuta, prima di essere dispersa, alla famiglia Vandeneynden e, successivamente, ai principi Colonna di Stigliano che abitarono nella sontuosa dimora di via Toledo a partire dal Seicento. Capolavori provenienti da musei italiani e stranieri, grazie a prestiti eccezionali, ritornano quindi a Napoli nella sede originaria. La collezione vanta opere di importante rilievo storico-culturale come il Banchetto di Erode di Rubens, oltre ad esemplari di Anthony van Dych, Aniello Falcone, Luca Giordano, Mattia Preti, Jusepe de’ Ribera, Salvator Rosa, Massimo Stanzione, Guercino, Annibale Carracci, Jan Brueghel, Jan Miel, Andrea Vaccaro e numerose nature morte, nonché paesaggi e battaglie di altri maestri fiamminghi. Per maggiori informazioni, visitare il sito ufficiale https://www.gallerieditalia.com/it/napoli/mostra-rubens-van-dyck-ribera/

USA. Reno, Nevada. 1960. Marilyn MONROE during the filming of “The Misfits”.

ELLIOTT ERWITT – PERSONAE

Nonostante sia rimasto ancora poco tempo per visitarla, degna di nota è senza dubbio la mostra personale di Elliott Erwitt intitolata Personae, ospitata fino al 24 febbraio alla Reggia di Venaria a Torino. Un’occasione da non perdere, in quanto si tratta della prima retrospettiva dedicata al grande fotografo del Novecento che comprende sia scatti in bianco e nero, sia a colori. Con il suo sguardo acuto ed empatico, Erwitt ha immortalato alcune celebrità del mondo dello spettacolo e della politica internazionale come Marilyn Monroe, Che Guevara, Sophia Loren, John Kennedy e Arnold Schwarzenegger, ma anche soggetti comuni. Tra le 170 opere in mostra, compaiono anche quelle che rientrano nel curioso progetto che Erwitt ha firmato con lo pseudonimo Andrée S. Solidor, il suo alter ego che ama tutto ciò che il fotografo detesta: il nudo, la tecnologia e l’eccentricità fine a sé stessa. Una strategia che gli consente non solo di mettere in atto una dissacrante parodia nei confronti di certi artisti contemporanei, ma anche di invitare il pubblico a riflettere a proposito del mercato dell’arte.

Comments

comments