"
Esclusiva VelvetPrimo piano

Spezial Party 2019, per il terzo anno consecutivo ItaliaSquisita presenta la Festa di Primavera in favore di Cabss Onlus

Più di 30 protagonisti dell’alta cucina italiana fra chef, maestri panificatori, pizzaioli, pastry chef e mixologist si riuniranno l’8 aprile 2019, ore 19.30, presso Il Palazzetto dell’Hotel Hassler a Roma per dare vita a una coinvolgente serata a sostegno dell’associazione CABSS ONLUS – Centro Assistenza per bambini sordi e sordociechi, fondata da Roberto E. Wirth, hotelier di fama internazionale, proprietario e General Manager dell’Hotel Hassler e del Palazzetto. Roberto Wirth, sordo profondo dalla nascita, racconta così la nascita dell’associazione: “Pensando a quando ero bambino, e alle difficoltà che ho dovuto affrontare per diventare l’uomo che sono, nel 2004 ho dato vita al Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus, per sostenere i bambini nati sordi come me e i bambini sordo-ciechi. Ciò che è accaduto a me non deve accadere ad altri bimbi: mi sentivo come un naufrago della vita, pervaso da un forte senso di abbandono.

Il mio sogno più grande, adesso, è che questi bambini abbiano l’opportunità di mettersi alla guida di una grande nave, la loro vita, verso un futuro ricco di successi, affiancati da genitori consapevoli, in grado di comprenderli e sostenerli con il loro amore. Con CABSS tutto questo è possibile con programmi per bimbi da 0 a 6 anni, totalmente gratuiti, che potranno sviluppare le proprie abilità cognitive!”. Questo richiamo a sostenere l’associazione è stato accolto da ItaliaSquisita che da tre anni organizza in collaborazione con Roberto E. Wirth e l’Hotel Hassler, lo Spezial Party: una festa dedicata alle spezie e al rendere speciale la vita! Arriveranno chef da ogni parte d’Italia propendo i loro piatti, dolci e drink, portando allegria, gusto e divertimento. Con il piccolo contributo di € 60,00 per persona si potranno assaporare tutti i piatti in degustazione, chiacchierare direttamente con gli chef e scoprire le nuove tendenze della mixology:

STELLE, SPEZIE E SOLIDARIETÀ

Le spezie sono le protagoniste della festa di primavera di ItaliaSquisita e verranno quindi interpretate da cuochi, pizzaioli e panificatori gourmet, pasticceri e mixologist che permetteranno di gustare innumerevoli abbinamenti e materie prime d’eccellenza. A dare il benvenuto agli ospiti saranno Carlo Spinelli e Fiorella Baserga di ItaliaSquisita e Roberto Wirth. Non mancheranno poi gli chef e ristoratori “resident” delle mura capitoline, come Marcello Romano del Salone Eva dell’Hotel Hassler, Stefano Marzetti dell’Hotel Splendide Royal, Giulio Terrinoni del ristorante Per me, Angelo Troiani dell’Acquolina e del Convivio Troiani, Daniele Usai de Il Tino, Domenico Stile di Enoteca La Torre Stefano Chinappi del ristorante Chinappi, Sarah Cicolini di Santo Palato, Ornella De Felice del Coromandel, Raffaele De Mase del Flora, Federico Delmonte del ristorante Acciuga, Claudio Gargioli dell’Armando al Pantheon, Giuseppe Milana del ristorante Umami, Luciano Monosilio di Luciano Cucina Italiana, Marco Nuzzo pastry chef dell’Hotel Hassler, Antonio Ziantoni del Ristorante Zia. In trasferta dalle loro roccaforti Michelin al di fuori della Capitale.

arriveranno Maurizio Serva de La Trota di Rivodutri, in provincia di Rieti, Nicola Fossaceca di Al Metrò in provincia di Chieti, Vitantonio Lombardo del suo omonimo ristorante di Matera, Vito Quarto del ristorante Zafferano dell’Hotel Vannucci di Città della Pieve (Perugia). La pizza sarà affidata a grandi interpreti romani e napoletani come Pierdaniele Seu di Seu Illuminati, Stefano Callegari di Sbanco e Salvatore Salvo della pizzeria Francesco e Salvatore Salvo a San Giorgio a Cremano.
La parte cocktail infine è affidata a Luca Ludovici del ristorante Lion, Matteo Zamberland di Amaro bar, Stefano Santucci dell’Hassler Bistrot e Fabrizio Avello resident bartender de Il Palazzetto dell’Hassler.

In particolare, Marcello Romano, chef del Salone Eva dell’Hotel Hassler da oltre 20 anni, presenterà un piatto in linea con le corde più vibranti della sua cucina legata alla tradizione e al territorio ed esalterà un classico orientale (che però conosce mille sfumature diverse!): si assaggerà una Zuppa di lenticchie con agnello e curry che celebra la Pasqua imminente (con l’agnello), il territorio (con le lenticchie) e l’oriente più avvolgente con un morbido curry ad abbracciare il tutto.

La novità di quest’anno arriva dall’Umbria, precisamente da Città della Pieve: nuova acquisizione di Roberto Wirth è infatti l’Hotel Vannucci e il ristorante Zafferano di cui è lo chef Vito Quarto. Il cuoco, che ha fatto della tradizione italiana la sua bandiera, porterà la sua famosa ricetta del Patè di fegatini al vinsanto in camicia di lardo, pane allo zafferano e frutto del cappero che è il risultato della ricerca di una vita dedicata alla cucina.

Un caleidoscopio di grandi rappresentanti dell’alta ristorazione italiana per scoprire le infinite declinazioni delle spezie e un’occasione d’oro per volersi bene e per fare del bene, sostenendo il progetto, dedicato ai più piccoli, della CABSS. Stefania Fadda direttrice e responsabile scientifico dell’associazione spiega la metodologia totalmente originale da lei sviluppata che le è valsa riconoscimenti dal mondo accademico di tutto il mondo: ”Il fine dell’associazione è affrontare in modo precoce le cause indirette della sordità per evitare che i piccoli possono andare incontro ad un ritardo nello sviluppo cognitivo, emotivo, socio-relazionale, comunicativo e linguistico.

Questo vale ancor di più per i bambini sordo ciechi che rischiano l’isolamento. L’unicità di CABSS consiste nel fatto che i suoi programmi di intervento precoce si basano su un metodo innovativo da me sviluppato che include: stimolazioni visive, uditive, tattili e olfattive, propriocettive e vestibolari, attività per la motricità, procedure per facilitare l’interazione con l’ambiente e con gli altri, attività che promuovono competenze sul piano affettivo, socio-emotivo e relazionale. Accogliamo gratuitamente i bimbi da 0 a 6 anni perché questa è la fascia d’età in cui si formano le mappe cognitive che saranno le fondamenta della loro capacità relazionale e di apprendimento. Per questo contiamo su tantissimi per continuare il nostro percorso!”

CABSS ONLUS – CENTRO ASSISTENZA AI BAMBINI SORDI E SORDOCIECHI

Il Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus (CABSS) offre, unico in Italia, programmi di intervento precoce ai bambini sordi e sordociechi da 0 a 6 anni. Tali programmi vengono realizzati all’interno di un laboratorio multisensoriale, un ambiente accessibile, sicuro e adattabile alle esigenze di ogni singolo bambino. Il Centro accoglie anche i genitori offrendo supporto nel lavoro di crescita e cura dei propri figli, e insegnando loro metodi e tecniche che consentano di costruire con essi relazioni efficaci. Collabora, infine, con tutte le figure professionali che ruotano attorno ai bambini (medici, educatori, terapeuti, familiari).

L’unicità di CABSS consiste nel fatto che i suoi programmi di intervento precoce si basano su un metodo innovativo, ideato e implementato dalla Onlus grazie all’intuito e alla guida della sua Direttrice Stefania Fadda. Tale metodo include: stimolazioni visive, uditive, tattili e olfattive, stimolazioni propriocettive e vestibolari, attività per la motricità (grossa e fine), procedure per facilitare l’interazione con l’ambiente e con gli altri, attività che promuovono competenze sul piano affettivo, socio-emotivo e relazionale. Grande attenzione è riposta sulla massimizzazione delle potenzialità cognitive e sullo sviluppo delle competenze linguistiche e comunicative.

L’ambiente in cui si svolgono i programmi di intervento precoce è pienamente accessibile anche dal punto di vista comunicativo: un principio fondamentale a cui CABSS si attiene è rispettare il diritto di accedere ai servizi terapeutici nella lingua scelta dalle famiglie per i propri piccoli (ESMHD, Dichiarazione Europea di Bad Ischl, Austria, del 2003 e Dichiarazione Mondiale di Worcester, Sud Africa, del 2005 sulla Salute Mentale e Sordità). Lo staff CABSS, quindi, utilizza la lingua Italiana, la Lingua dei Segni Italiana (LIS), la Lingua dei Segni Tattile (LIST) e altre modalità comunicative non verbali che sfruttano i sensi dei piccoli.

Il fine dell’associazione è affrontare in modo precoce le cause indirette della sordità per evitare che i piccoli possono andare incontro ad un ritardo nello sviluppo cognitivo, emotivo, socio-relazionale, comunicativo e linguistico. Questo vale ancor di più per i bambini sordociechi: la combinazione congiunta di una minorazione visiva e uditiva (totale o parziale), non consente loro di svolgere appieno le «normali» funzioni della vita quotidiana. Se non adeguatamente e precocemente aiutati, i bambini sordociechi rischiano di essere isolati, di non comunicare e interagire con il loro ambiente, di non accedere alle informazioni, con serie implicazioni nel processo di apprendimento e nel processo di sviluppo.

CABSS è stato fondato nel 2004 da Roberto E. Wirth, noto hotelier romano sordo profondo dalla nascita. Presidente e General Director del prestigioso Hotel Hassler presso Trinità dei Monti a Roma, da anni è molto attivo nell’ambito della sordità in Italia e all’estero. E’, infatti, una figura influente in numerose associazioni e consigli universitari inerenti al mondo dei sordi a livello internazionale, tra cui la Gallaudet University. Dal 2008 è Direttrice della Onlus Stefania Fadda, Psicoterapeuta e Psicologa specializzata in Salute Mentale e Sordità e Presidente della European Society for Mental Health and Deafness (ESMHD).

Il Presidente Roberto Wirth racconta la nascita di Cabss: “Sono sordo profondo dalla nascita e pensando a quando ero bambino, e alle difficoltà che ho dovuto affrontare per diventare l’uomo che sono, nel 2004 ho dato vita al Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus, per sostenere i bambini nati sordi come me e i bambini sordo-ciechi. Ciò che è accaduto a me non deve accadere ad altri bimbi: mi sentivo come un naufrago della vita, pervaso da un forte senso di abbandono, le barriere della comunicazione e l’incomprensione da parte dei genitori riguardo le mie esigenze e le mie potenzialità erano scogli spesso impossibili da superare. Il mio sogno più grande, adesso, è che i bimbi sordi e sordo-ciechi abbiano l’opportunità di mettersi alla guida di una grande nave, la loro vita, verso un futuro ricco di successi, affiancati da genitori consapevoli, in grado di comprenderli e sostenerli con il loro amore. Con CABSS tutto questo è possibile!”

Stefania Fadda, direttrice e direttore scientifico, prosegue: “Il mio percorso professionale è sempre stato ispirato da un sogno, quello di elaborare qualcosa di nuovo e indispensabile, nel nostro Paese, affinché tutti i bambini sordi e sordociechi avessero pari opportunità, con particolare riferimento alle aree della salute. Oggi il mio sogno lo sto realizzando insieme al Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus (CABSS) dove questi bambini, con tanto impegno e costanza, realizzano progressi importanti dimostrando che un passo dopo l’altro è possibile raggiungere traguardi lontani. CABSS accoglie anche i genitori e li aiuta a diventare attivi agenti di cura, in grado di identificare, interpretare e rispondere ai segnali dei propri figli.”

Prenotazioni e biglietti:

www.cabss.it

https://italiasquisita.net/it/posts/spezial-party-2019

Per ulteriori informazioni si prega contattare:

Belinda Bortolan -. Ufficio Stampa Hotel Hassler

+363357011993

[email protected]

[email protected]

 

Back to top button
Privacy