Avocado, il frutto più instagrammabile del momento è un vero toccasana per la nostra salute

Food trend degli ultimi anni e cibo più instagrammabile del momento,  l’#avocado  è un vero toccasana per la nostra salute. È un frutto erroneamente considerato “grasso”: 100 grammi apportano circa 230 Kcal che però forniscono grassi monoinsaturi, per cui “amici” (a differenza della maggior parte dei frutti che contengono soprattutto zuccheri e carboidrati), come omega 3 e 6 e acido oleico che riducono il colesterolo cattivo e aumentano quello buono, diminuendo cosi il rischio di infarti e malattie cardiache. 

È ricco di antiossidanti come la vitamina A, E, C, i carotenoidi, che ci proteggono dai radicali liberi e dall’invecchiamento precoce, favorendo anche il rinforzo dei vasi sanguigni. Se sei in gravidanza, mangialo perché contiene acido folico, che previene i difetti del tubo neurale del bambino. Le vitamine D e K1 che contiene migliorano l’osteoporosi e le ossa fragili, quindi fanne il pieno se sei in menopausa.

Per tutte le età della donna oltre alle proprietà già descritte, è ideale per chi segue una dieta vegetariana, sconfigge la fame, aiuta a regolare il peso corporeo e regolarizza l’intestino grazie alla grande quantità di fibre che apporta.

I suoi semi che si possono mangiare macinati sono molto ricchi di flavonòli, molecole che potrebbero addirittura aiutare a ridurre il rischio di cancro. Inoltre è un valido alleato della vista, grazie alle vitamina A, alla luteina e zeaxantina, antiossidanti che proteggono gli occhi dalla cataratta e dalla degenerazione maculare. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, potrebbe anche aiutare il mantenimento della fertilità contrastando l‘aging ovocitario. 

Inoltre proprio grazie alle vitamine e ai minerali che contiene (lo sapevi che contiene più potassio rispetto a quello presente nella banana?), la sua polpa si può anche usare come trattamento idratante per viso e corpo, ed è anche top sui capelli… what else? Dimenticavo, è anche afrodisiaco!

Photo Credits: Twitter

 

Comments

comments