Coez: “Sanremo? Mi hanno rifiutato due volte, ma non mi importa”

Alla vigilia del triplo concerto al Palazzetto dello Sport di Roma, Coez ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Il triplice evento (28, 29 e 31 maggio, in una cornice come il Palalottomatica) rappresenta un po’ la consacrazione per questo piccolo artista indie-pop, emerso con cautela dalla scena rap più morbida e presto assorbito nelle tendenze melodiche del mainstream contemporaneo. Coez ha trovato un vero pubblico solamente nell’ultimo biennio, cementando una reputazione soprattutto romana. L’esplosione a livello nazionale rimane un po’ un cruccio, come spiegato nell’intervista di oggi al Corriere. In particolare, c’è un palcoscenico dove proprio non è mai riuscito ad imporsi.

“Non vado lì a giocarmi  la carriera”. Coez provoca il Festival e lancia i nuovi live: “Proietteremo video in sostegno delle Ong

Mi hanno rimbalzato due volte“, ha commentato ironico Coez riferito al Festival di  Sanremo. L’assenza prolungata di un artista da anni sulle scene, per di più in un palcoscenico così adatto al suo stile, non è evidentemente dovuta ad una scelta personale. “Con il pezzo giusto proverei ancora ad andare“, chiarisce il musicista, “ma in realtà non è questione di vita o di morte. Chi va su quel palco si gioca la vita intera, ma per me non è così“. Una piccola provocazione, per un artista che ha raggiunto un suo pubblico con una forma di esposizione tutto sommato minima.

La triplice data di Roma anticiperà l’atteso ritorno di Coez sui palchi italiani, dove manca ormai da quasi un anno. “Non mi esibisco da agosto scorso“, ha spiegato. “Nel frattempo ho lavorato tanto, e il live mi mancava. Ripartirò da dove ho lasciato“. Una serie di live in tutta Italia, dove si vedrà, novità principale, un Coez in vesti più politiche. “Non ho bisogno di parlare delle Europee“, spiega, “ai miei fan le mie idee arrivano. Nel corso dei concerti proietteremo immagini dei miei amici della ONG OpenArms. Lo sanno tutti da che parte sto.”

Exit mobile version