"
News

Zeffirelli, i funerali solenni nel Duomo di Firenze stracolmo

Ore 13:04 – Nel tragitto il corteo ha fatto una sosta per un minuto di silenzio davanti alla sede della Fondazione Zeffirelli in piazza San Firenze, dove in attesa c’erano le sorelle Kessler. In piazza Duomo numerose personalità hanno atteso il feretro per poi entrare in chiesa, tra cui anche Gianni Letta e il sindaco di Firenze Dario Nardella, oltre al ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli arrivato poco dopo.

“Oggi è una giornata triste come quella di ieri, Firenze sta restituendo al Maestro tutto ciò che lui ha dato alla città“. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella parlando con i giornalisti prima di entrare in Duomo per i funerali di Franco Zeffirelli. “Oggi sono attese tante personalità – ha aggiunto Nardella – perché Zeffirelli ha portato Firenze nel mondo e il mondo a Firenze”.

Per il giorno del funerale il sindaco ha proclamato il lutto cittadino per rendere omaggio “a uno dei più grandi esponenti della cultura mondiale”, un fiorentino dal carattere “verace” e una “passione instancabile per il lavoro e per la sua città dove tornava appena poteva, dove ha creato il centro-museo che custodisce il suo patrimonio artistico e dove sarà sepolto”.

Il sindaco di Firenze, Nardella, ai funerali di Zeffirelli

Il feretro di Franco Zeffirelli ha lasciato, con un lungo applauso dei presenti, la camera ardente di Palazzo Vecchio. Dalle 11 si svolgono in Duomo a Firenze i funerali, celebrati dall’arcivescovo Betori. La cattedrale di Firenze è stracolma di gente (la foto in alto è tratta dall’account Twitter di David / @DavidFanelli62)

Fra ieri 17 giugno e oggi si calcola che almeno 7 mila persone abbiano reso omaggio al grande regista alla camera ardente nel Salone dei Cinquecento. Un flusso continuo di cittadini ha reso omaggio a Zeffirelli: c’è chi resta in piedi di fronte al feretro, chi si inchina, chi dà un bacio alla bara.

Molti anche i messaggi di affetto scritti sul libro posto all’uscita del Salone. Tantissime le persone che anche in piazza Signoria hanno atteso il passaggio del feretro che ora sarà trasportato fino al Duomo per le esequie solenni.

Photo credits: Twitter

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy