“Is Molas Resort” case come sculture: 15 ville ecocompatibili nel cuore della Sardegna [ESCLUSIVA]

Case come sculture da abitare: al via un nuovo progetto sostenibile nel rispetto dell’ambiente, “Is Molas Resort”. 15 ville da sogno nel magico scenario della Sardegna.

Is Molas Resort: case come sculture

15 ville progettate da Massimiliano Fuksas e immerse in un’incredibile tenuta di 6000 etteri, a qualche chilometro da Cagliari. Tra colline, montagne granitiche e terra selvaggia, ma sempre con uno sguardo verso il mare sardo, sorge il nuovo Is Molas Resort. Un esperimento suggestivo che mette a contatto la potenza della natura con l’ingegno architettonico, proprio come spiega Fuksas: “Abbiamo costruito una nuova geografia. Tutto perfettamente inserito nel paesaggio, aperto al dialogo con la luce del Mediterraneo”.

E il paesaggio naturale è protagonista assoluto, grazie ai panorami tipici del territorio sardo, valorizzati e rispettati nell’ottica di un progetto che sposa anche la causa ambientale. Sensibilità, impatto visivo e qualità della vita sono stati fin dal principio i veri must di Is Molas Resort, pensato proprio con l’obiettivo di salvaguardare il territorio locale.

Ville esclusive tra design e natura

Il progetto Is Molas Resort è la prova che conciliare l’impegno ambientale con il gusto del design non è affatto impossibile. Le 15 ville progettate dal rinomato architetto italiano Massimiliano Fuksas, offrono una vista mozzafiato su mare e montagna, costeggiate da un campo da golf verde sgargiante. La costa sud-occidentale della Sardegna è la vera cornice del resort, situato nei pressi della cittadina di Pula, a circa 30 km da Cagliari.

Non è esagerato parlare di autentiche opere d’arte, uniche come pezzi d’artigianato, e al tempo stesso ecocompatibili. Il progetto è nato proprio ispirandosi al territorio e alla tradizione sarda, un amore riportato anche nelle scelte estetiche e architettoniche. Per le ville è stata usata solo pietra locale, abbinata al legno, insieme ad impianti a risparmio energetico. 

Nulla è stato lasciato al caso, neppure il sistema idrico, frutto di uno studio sull’uso sostenibile dell’acqua, riutilizzata per l’irrigazione. Anche gli impianti di raffreddamento e riscaldamento della ville, rientrano in un progetto ampio e concreto di bioarchitettura.

Un omaggio ai nuraghi sardi

La struttura delle ville ricorda i tradizionali nuraghi sardi, come a voler garantire una continuità della cultura locale. Incastonate nella natura come gemme preziose, esibiscono sinuose forme architettoniche che danno l’impressione di assecondare il respiro del vento. Anche l’idea d’illuminazione va ad accogliere lo spirito dell’intero progetto: le ville hanno molte aperture pensate per far entrare la luce all’interno dell’abitazione e per respirare l’aria della natura, il profumo del mirto, del corbezzolo e del rosmarino.

Ma la luce attraversa anche le verande e e inonda gli ampi interni, perfetti per accogliere amici e familiari in un ambiente suggestivo. Gli arredi, tutti griffati Doriana Fuksas si caratterizzano per l’uso di materiali pregiati e per i colori accesi che ravvivano le tonalità neutre delle costruzioni.

Le ville di lusso che fanno parte di Is Molas resort sono suddivise in quattro tipologie e sei varianti, tutte pensate e disegnate da Fuksas, le cui dimensioni variano dai 200 ai 500 mq.  Ogni villa ha una sua identità ed un suo stile, differenti per forme, dimensioni e struttura, e tutte dispongono di un grande giardino privato, una piscina ed una terrazza panoramica.

Comments

comments