"
MondoNewsPrimo piano

Disastro aereo in Svezia: tutti morti, passeggeri ed equipaggio

Strage nei cieli della Svezia. Passeggeri ed equipaggio sono tutti morti. È il terribile bilancio di un disastro che ha coinvolto un velivolo da turismo che trasportava paracadutisti. Lo schianto, avvenuto subito dopo il decollo, attorno alle 14 di domenica 14 luglio, non ha lasciato scampo alle 9 persone che erano a bordo.

Così è terminata quella che avrebbe dovuto essere una domenica di sport e svago per un gruppo di paracadutisti svedesi. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto delle persone lanciarsi dall’aereo poco prima dell’impatto, ma inutilmente.

Il piccolo veicolo da turismo GippsAero GA8 Airvan, per cause ancora da verificare, è precipitato all’improvviso nel nord del Paese scandinavo. Che tutte e 9 le persone a bordo siano morte lo ha confermato Gabriella Bandling, portavoce della regione di Vasterbotten. L’incidente è avvenuto poco dopo il decollo dall’aeroporto di Umea. L’aereo si è schiantato al largo dell’isola di Storsandskar, dopo appena due chilometri a sud dallo scalo da cui era partito.

A quanto riferisce il quotidiano svedese Aftonbladet, a bordo del velivolo vi erano i militari. Uno dei soccorritori ha spiegato che apparentemente sarebbe successo qualcosa al motore dell’aereo immediatamente dopo il decollo. Le operazioni di recupero dei corpi sono ancora in corso.

Le riprese amatoriali pubblicate online dal quotidiano svedese mostrano l’aereo che precipita dal cielo in una linea verticale. Axel, un testimone di 16 anni, che ha filmato l’incidente con il suo smartphone, era seduto sul divano quando improvvisamente ha sentito una esplosione provenire dal cielo. Ha controllato e ha visto esattamente il momento in cui l’aereo è precipitato.

Si è schiantato con un forte scoppio, poi tutto è diventato silenzioso” – racconta al quotidiano Aftonbladet -. “Vivo direttamente in aeroporto, quindi sono abituato a sentire il decollo e l’atterraggio dell’aereo, ma questo era un suono completamente diverso, dice Axel che continua: – Sono uscito rapidamente e ho controllato in aria e ho visto un aereo che precipitava, velocissimo. Stavo filmando con il mio cellulare. Qualche secondo dopo, l’aereo è precipitato”.

Photo credits: Twitter / Lilian Chan @bestgug

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy