"
Cinema

Luna Nera: la terza serie originale italiana di Netflix [foto]

“Luna Nera” si prospetta una serie (tenendo conto di ciò che sfodera in campo) che potrebbe davvero conquistare grandi numeri e colpire nel segno. Scopriamo meglio insieme di che cosa si tratta.

Luna Nera Netflix

Dopo “Suburra” e “Baby” che hanno ricevuto grande riscontro di pubblico e critica, si tratta della terza produzione originale italiana targata Netflix (produzione Fandango). «L’Italia è culla di grandi narratori e talenti straordinari e il nostro obiettivo è quello di trovare quelle voci uniche e locali che possano appassionare il nostro pubblico mondiale. Questa nuova serie di progetti, diversi l’uno dall’altro e girati in tutta Italia, testimonia il nostro profondo impegno nei confronti della comunità creativa italiana e della visione creativa dei partner con cui collaboriamo» aveva spiegato Kelly Luegenbiehl, Vice President, Original Series per Europa ed Africa di Netflix.

Luna Nera
In foto Francesca Comencini

Sono appena terminate le riprese della serie, che sarà disponibile da inizio 2020 su Netflix in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. Protagonista è Antonia Fotaras che tutti abbiamo imparato ad apprezzare, in particolar modo nella scorsa stagione televisiva, prima ne “Il nome della rosa” e poi in “Mentre ero via” (entrambe le fiction sono state trasmesse su Rai1).

Luna Nera
In foto Antonia Fotaras

Luna Nera cast e personaggi

I protagonisti della serie sono: Antonia Fotaras (Ade), Giada Gagliardi (Valente), Adalgisa Manfrida (Persepolis), Manuela Mandracchia (Tebe), Lucrezia Guidone (Leptis), Federica Fracassi (Janara), Barbara Ronchi (Antalia), Giorgio Belli (Pietro), Gloria Carovana (Cesaria); Giandomenico Cupaiolo (Sante), Filippo Scotti (Spirto), Gianmarco Vettori (Nicola), Aliosha Massine (Benedetto), Nathan Macchioni (Adriano), Roberto De Francesco (Marzio Oreggi), Emili Mastrantoni (Ade bambina), Astrid Meloni (Amelia), Daniele Amendola (Giambattista), Marilena Anniballi (Agnese) e Mariano Pirrello (Professore romano).

È molto interessante questa scelta di rendere protagoniste donne e figure femminili tutte da scoprire, puntando anche su interpreti che provengono da un importante e solido background teatrale.

Luna Nera
In foto, da sn Federica Fracassi, Manuela Mandracchia e Lucrezia Guidone

Sinossi

Siamo nell’Italia, XVII secolo. In seguito alla morte di un neonato, Ade, una levatrice di 16 anni, viene accusata di stregoneria. Trovato rifugio in una misteriosa comunità di donne al limitare del bosco, la ragazza è costretta a fare una scelta: l’amore impossibile per Pietro – figlio del capo dei Benandanti, i cacciatori di streghe – o l’adempimento del suo vero destino, una minaccia per il mondo in cui vive, diviso tra ragione e misticismo.

Luna Nera
In foto Federica Fracassi, Manuela Mandracchia, Lucrezia Guidone e Susana Nicchiarelli

Curiosità

Le riprese, per una durata totale di 16 settimane, sono state realizzate negli studi di Cinecittà – dove sono state ricostruite le scenografie del XVII secolo – e in diverse altre location del Lazio, tra cui la magica cornice di Canale Monterano, l’incantevole borgo di Celleno, e il meraviglioso castello di Montecalvello appartenuto negli anni ‘60 al celebre artista parigino Balthus. Le riprese si sono svolte anche nella Selva del Lamone, a Sorano, Sutri e all’interno del Parco degli Acquedotti di Roma.

Credit foto: Emanuela Scarpa/ Netflix

Le produzioni italiane di Netflix

Oltre a Summertime da “Tre metri sopra il cielo” di cui vi abbiamo parlato ci sono altre due produzioni in cantiere.

CURON

In qualità di head writer troviamo Ezio Abbate che aveva curato Suburra. Qui protagonista è una madre che torna nel misterioso villaggio natale nel Nord Italia con i suoi figli adolescenti per scoprire che si può scappare dal proprio passato ma non da se stessi.

FEDELTÀ (titolo provvisorio)

Diritti audiovisivi del romanzo di Marco Missiroli (Einaudi) candidato al 73° Premio Strega. Ambientata tra Milano e Rimini, “Fedeltà” è la storia di una giovane coppia e delle conseguenze deflagranti di un presunto tradimento. Una storia di fedeltà coniugale, che diventa anche soprattutto un simbolo della fedeltà verso se stessi e le proprie scelte.

Back to top button
Privacy