Governo Conte bis, duello in Senato. Ecco cosa succede

Il governo Conte bis, dopo la fiducia al Camera, ha ottenuto nella serata del 10 settembre la fiducia anche al Senato con 169 sì,8 voti in più rispetto alla necessaria maggioranza politica di “quota 161”.

Ore 18:05 – “Poi con calma – ha attaccato Giuseppe Contenelle prossime settimane spiegherete al Paese cosa ci sia di dignitoso in tutti i repentini voltafaccia che ci sono stati in poche settimane“. “Senza onore!”. Così alcuni senatori leghisti hanno urlato interrompendo più volte la replica del presidente del Consiglio, che aveva parlato della decisione presa dalla Lega “unilateralmente” l’8 agosto di ‘avviare’ la crisi di governo. Sono seguiti cori: Dignità, dignità!”, scanditi battendo le mani sui banchi.

Ore 16:04 – “Non la invidio – ha detto Matteo Salvini parlando a nome della Lega – presidente Conte-Monti. Si vede uno quando ha il discorso che gli viene da dentro e quando uno deve eleggere un compitino a cui non crede neanche lui. Siete passati dalla rivoluzione al voto di Casini, Renzi, Monti“. “Torno a casa con una poltrona di meno, ma con tanta dignità in più. Lascio voi – aggiunge – a giudicare se questa operazione è di verità, e di coscienza: milioni di italiani non la pensano così”.

Loading...

Ore 14:29 – Giuseppe Conte interverrà nell’Aula del Senato intorno alle 15.30. Il presidente del Consiglio prenderà infatti la parola in replica al dibattito generale sulla fiducia che dovrebbe concludersi intorno a quell’ora. Verso le 14.30 prenderà la parola il leader della Lega Matteo Salvini, mentre al momento non è previsto che intervenga in Aula il senatore Pd Matteo Renzi.

Incassata la fiducia alla Camera, con 343 sì e 263 no, il governo Conte Bis è al giudizio del Senato, oggi 10 settembre. In Aula anche Matteo Salvini. Il suo sarà l’intervento più atteso: farà da contraltare a quello del presidente del Consiglio.

Tutto questo accade all’indomani della bagarre scoppiata a Montecitorio, sede della Camera dei Deputati. Tra in Cinque Stelle da un lato e i leghisti dall’altro, con cartelli e cori da stadio.

Dalle 10 di oggi è in programma la discussione generale: per il dibattito sono previste oltre 5 ore. Alle 15:30 è attesa la replica del premier, quindi le dichiarazioni di voto e dalle 17 la chiama per il voto di fiducia.

Notizia in aggiornamento

 

Photo credits: Twitter

Comments

comments

Loading...