"
MondoNews

Usa, passeggiata record sulla fune sospesa: le immagini da brivido [VIDEO]

Una camminata senza corde di sicurezza, come un funambolo, su una fune sospesa a mille metri d’altezza. È la Free Solo Highline che lo slackliner tedesco Friedi Kühne, 29 anni, ha compiuto. Una “passeggiata” sul Lost Arrow Spire nel parco nazionale dello Yosemite in California.

Lo slackline è uno sport estremo. Una disciplina ai limiti delle possibilità umane che consiste nell’attraversare vallate di montagna, gole di torrenti o scogliere a picco sul mare. L’attraversamento avviene camminando in equilibrio precario sopra una fune che consiste in una fettuccia elastica larga pochi centimetri.

Nel video che vi proponiamo, tratto dall’account Twitter di Talal Salamé (@MediatikNews), ecco la pazzesca impresa del 29enne di Monaco di Baviera. Friedi Kühne è andato avanti e indietro sulla sua fettuccia da un capo all’altro della gola senza alcun dispositivo di sicurezza.

Lo stesso Kühne aveva già realizzato nel 2017 a Saint-Jeannet, in Costa Azzurra sulle alture di Nizza, il record mondiale di camminata su di una fune sospesa (highline). L’impresa, anche questa al cardiopalma, era consistita in una camminata lunga un chilometro e mezzo su di una fune. Una fettuccia tesa dalla cima di Bau de Saint-Jeannet fino a quella di Bau des Noirs. Il precedente record era sempre del funambolo tedesco ed era stato realizzato sempre nella stessa località francese.

Photo e video credits: Twitter

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy