Greta Garbo: ecco l’omaggio della Festa del Cinema di Roma

È Greta Garbo il volto scelto come immagine ufficiale della quattordicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, il festival cinematografico capitolino che avrò luogo presso l’Auditorium Parco della Musica da martedì 17 a venerdì 27 ottobre 2019. Una scelta ineccepibile: icona del cinema mondiale, l’attrice svedese è una delle prime grandi dive della storia. Le sue interpretazioni – si ricorderanno, tra tutte, quelle in Grand Hotel (1932), La regina Cristina (1933) e Anna Karenina (1935) – hanno fatto sognare generazioni su generazioni. Merito del suo indiscusso talento, ma anche del suo magnetico fascino: due ingredienti che le valsero il soprannome la Divina.

Greta Garbo, icona inarrivabile del cinema internazionale

Quattro candidature e un premio Oscar, quello alla carriera nel 1955, Greta Garbo è – secondo la classifica stilata dall’American Film Institute – la quinta tra le più grandi star della storia del cinema. Una bravura, quella davanti alla cinepresa, che veniva amplificata dalla straordinaria bellezza dell’attrice. Per questo la decisione di sceglierla come volto della Festa del Cinema di Roma è più che mai sensata. La Divina è, più di chiunque altro, emblema della bellezza del cinema. Il suo volto, scolpito a tinte luminose nella memoria collettiva, è un mix di fascino e consapevolezza a cui è sempre stato impossibile resistere. E lo è ancora oggi.

Loading...

La scelta della Festa del Cinema di Roma

Scriveva Roland Barthes in Miti d’oggi che «Greta Garbo appartiene ancora a quel momento del cinema in cui la sola cattura del viso umano provocava nelle folle il massimo turbamento». E aveva ragione. Per questo motivo la stessa foto scelta per l’immagine ufficiale della quattordicesima edizione della Festa del Cinema di Roma è ancor di più da elogiare. Lo scatto, che venne effettuato in occasione delle riprese de Il bacio (primo film sonoro a cui la diva lavorò, nel 1929), pone l’attrice in primo piano e con il volto riflesso di profilo in uno specchio. E ne esalta la perfezione dei lineamenti, e la bellezza inarrivabile.

Comments

comments

Loading...