Lotta allo spreco, le cinque regole d’oro del riciclo

In un periodo in cui l’attenzione allo smaltimento e al problema dell’accumulo si è finalmente fatta largo nel dibattito pubblico, prende piede più forte che mai l’interesse per le tecniche di riciclaggio. Dopo un lungo periodo di assestamento, è oramai diffuso in Italia il concetto di differenziazione dei rifiuti, e nonostante i mille problemi logistici sembra finalmente essersi radicata una forma di sensibilizzazione collettiva. Se l’era del consumo e dello spreco è dunque forzatamente giunta al termine, è il momento di riconsiderare le strategie base per il riciclo. Ecco cinque facili consigli da tenere a mente in ogni moderno contesto casalingo.

Cinque regole e suggerimenti base per affrontare l’emergenza rifiuti e abituarsi alla necessità del riciclaggio

Evitare l’utilizzo di materiale non biodegradabile
L’ideale per evitare di mettersi in una condizione di spreco rimane in partenza la scelta più logica: limitare l’utilizzo di prodotti non biodegradabili. Il primo esempio che viene in mente è la plastica (delle bottiglie, dei contenitori, di tutto ciò che si è abituati a gettare via dopo l’utilizzo): negli ultimi tempi, ha sempre più spazio la posizione di chi ne va limitando il commercio. Ciò che è compostabile è per sua natura più adatto a nuovi utilizzi. E’ a modo suo la regola zero della lotta all’inquinamento.

Loading...
Loading...

Riutilizzare gli imballaggi
Dal momento che è molto complicato vivere questo momento storico emancipandosi dall’utilizzo di materiali in plastica e metallo, rimane d’obbligo il ri-utilizzo. Fondamentale in questo caso prendersi il tempo di lavare, ripulire, e rimettere a nuovo tutto quel tipo di materiale che si presta a una seconda vita. La necessità di contenitori e imballaggi è costante, e rende inutile lo spreco.

Limitare l’utilizzo della carta
Con il 30% totale dei rifiuti prodotti al mondo, il materiale cartaceo è uno degli elementi chiave nell’accumulo di rifiuti. La sua natura bio-degradabile la rende per definizione meno pericolosa dei materiali in plastica, ma il consumo che comporta in termini di vegetazione e deforestazione rimane un problema sociale. Si fa largo in questo senso il concetto di “riciclo creativo”, volto a valorizzare rifiuti difficilmente adattabili ad un secondo utilizzo.

Riciclare i vestiti
Altra fonte primaria di rifiuti e alfiere del consumo più deleterio, il concetto del riutilizzo dei capi d’abbigliamento ha ormai da tempo trovato il modo di farsi largo nel pensiero comune come alternativa allo spreco compulsivo. Oggi è sempre più raro trovarsi a gettare via vestiti vecchi o usati: rivenderli, regalarli o semplicemente rimetterli a nuovo è diventata la prima opzione.

La raccolta differenziata
Dal momento che smettere interamente di produrre rifiuti è impossibile, rimane fondamentale affidarsi a quello che ad oggi è l’unica alternativa sostenibile alla discarica. La raccolta differenziata, lentamente e a fatica, è ormai parte delle abitudini degli italiani. Le regole sono molte e complesse (dalla divisione interna al trattamento dei materiali), ma in ultima analisi resta la scelta migliore.

Loading...
Loading...