NewsTecnologia

Prima passeggiata spaziale di sole donne: verso l’impresa da record

Sulla Stazione spaziale internazionale (Iss), guidata da pochi giorni dal comandante italiano, l’astronauta Luca Parmitano, ripartono i preparativi. Obiettivo: realizzare il 21 ottobre la prima passeggiata spaziale della storia fatta soltanto da donne. La notizia è riportata online dall’agenzia di stampa Ansa.

Dopo quella programmata e poi cancellata lo scorso mese di marzo, per un problema con le tute, ora la Nasa ci riprova e fissa la storica impresa fra quindici giorni. Le astronaute Christina Koch e Jessica Meir saranno le protagoniste. Saranno entrambe impegnate nella sostituzione delle batterie dei pannelli solari della stazione orbitale.

Christina Koch sta cominciando già oggi 6 ottobre a lavorarci, con l’attività extraveicolare (Eva). La svolgerà insieme a Andrew Morgan sotto la guida di Luca Parmitano. Per lei ottobre sarà un mese di super lavoro con ben tre passeggiate spaziali. Dopo aver svoltato la boa dei 200 giorni consecutivi a bordo della Stazione Spaziale, ora l’astronauta punta al traguardo dei 300 giorni per conquistare il record per la permanenza per una donna in una singola missione.

Prevista invece per venerdì 25 ottobre, la prima delle nuove passeggiate spaziali di Luca Parmitano, da pochi giorni al comando della Stazione spaziale. L’attività extraveicolare (Eva) lo vedrà protagonista insieme alla collega Jessica Meir. Sarà finalizzata alla sostituzione delle batterie dei pannelli solari della stazione orbitale.

Si tratta della quinta e ultima passeggiata spaziale prevista per ottobre, con cui si concluderà la prima fase della vera e propria maratona che l’equipaggio dovrà affrontare nei prossimi tre mesi. Luca Parmitano è stato il primo astronauta italiano a eseguire un’attività extraveicolare il 9 luglio 2013, con 6 ore e 7 minuti di passeggiata spaziale, durante la missione Volare, la prima di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Photo credits: Twitter

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.
Back to top button
Privacy