Bere 4 caffè al giorno riduce il rischio di diabete e pressione alta: la ricerca

Secondo i risultati di un’ultima ricerca, il caffè avrebbe utili proprietà per la prevenzione di malattie quali il diabete e la pressione alta. Ecco tutti i dettagli dello studio.

Bere 4 caffè al giorno previene il diabete: ecco i risultati della ricerca

Un’ultima ricerca condotta dalle Università della Navarra e di Catania ha portato alla luce un’interessante scoperta che evidenzia un legame tra il consumo di caffè e la sindrome metabolica.

Questa bevanda, che gli Italiani amano in modo del tutto particolare, dunque, sarebbe utilissima per la prevenzione di importanti e diffuse malattie.

Gli studiosi, infatti, hanno evidenziato nel corso di alcuni esperimenti, che il consumo di circa 3-4 caffè al giorno sia in grado di ridurre del 25% il rischio di incorrere in alcune malattie.

Tutti i dati della ricerca scientifica

Nel corso della ricerca scientifica i ricercatori hanno studiato pazienti provenienti da ben otto diversi Paesi dell’Europa, riscontrando alla fine uno stretto legame tra le patologie e il consumo di caffè.

Il professore Giuseppe Grosso, epidemiologo e nutrizionista dell’Università di Catania, ha notato anche come i polifenoli ricchi di antiossidanti contenuti nel caffè siano coinvolti nella prevenzione della sindrome metabolica.

Gli incredibili risultati hanno raggiunto anche riviste internazionali del calibro del Washington Post, che ha pubblicato gli esiti della scoperta italiana. Stando ai campioni analizzati, dunque, sembra probabile supporre che il consumo di caffè sia associato a una diminuzione di alcune malattie. Tra le patologie diffuse interessate, ricordiamo: diabete di tipo 2, pressione alta, morbo di Parkinson, e, in alcuni casi, tumori.

Alla base di tutto ciò ci sarebbero le importanti proprietà anti-infiammatorie tipiche del caffè. L’unica controindicazione ai “4 caffè al giorno” riguarda le donne in gravidanza, che al contrario rischierebbero di mettere in pericolo la saluto del nascituro.

LEGGI ANCHE: Mandarini: proprietà benefiche, calorie e utilizzi

Exit mobile version