sabato, Agosto 15, 2020

Ultmissimi

Barcellona, umiliazione storica per Messi e compagni: il Bayern vince 8-2

Allo stadio Da Luz di Lisbona il Bayern Monaco ha letteralmente annichilito il Barcellona, travolgendolo per 8-2 (4-1) nella partita valida per i quarti...

Ferragosto 2020, controlli rafforzati: spiagge, locali e treni nel mirino

Un Ferragosto che non può essere come tutti gli altri: l'Italia vive oggi la tradizionale festa d'estate nel bel mezzo dell'emergenza coronavirus, tutt'altro che...

Tommaso Salustri, 9 anni e un talento innato: «Voglio diventare un fumettista e raccontare storie come Zerocalcare» [ESCLUSIVA]

Tommaso: capelli biondi, lunghi, occhi vivaci, vocina da bambino, ma idee molto chiare su cosa vuole diventare in futuro. La sua passione è disegnare...

Donna di 89 anni si sente sola e chiama il 113: gli agenti le portano un cornetto

Questa storia, dal lieto fine e con sfumature di rara tenerezza, arriva da Bologna. Una donna di 89 anni si sentiva molto sola e...

Gran Caffè Gambrinus, a Napoli l’albero della musica dedicato a Carosone

Sabato 8 dicembre alle 18.00 verrà acceso a Napoli, per il secondo anno, l’albero di Natale della musica creato per il celebre Gran Caffè Gambrinus dallo showman Gianni Simioli. Stavolta è dedicato a un artista molto amato anche all’estero in occasione dei 100 anni dalla sua nascita: Renato Carosone.

Torna la magia dell’albero di Natale della musica che lo scorso anno ha incantato i tanti cittadini, e i turisti, che hanno sorseggiato un ottimo caffè in uno dei luoghi storici della città di Napoli: il Gran Caffè Gambrinus. Anche quest’anno è stato realizzato appositamente per lo storico locale partenopeo dallo showman e voce della radiofonia italiana Gianni Simioli, che ha voluto dedicarlo al grande Renato Carosone per ricordarne i 100 anni dalla sua nascita.

Interprete di canzoni indimenticabili come “Tu vuò fa l’americano”, brano tanto amato anche dagli stranieri, è stato uno dei più grandi cantautori della canzone napoletana. Insieme a Domenico Modugno, è stato uno dei due artisti italiani ad aver venduto più dischi in America senza averli dovuti cantare in inglese. Come dimenticare brani come “Toreno”, “Caravan Petrol”, “Maruzzella” e soprattutto “O Sarracino”, canzone che anche le star internazionali più giovani conoscono per averla ascoltata e ballata a Capri, alla Taverna Anema e Core di Guido Lembo durante le loro vacanze italiane?

Nel gigantesco albero del Caffè Gambrinus, che verrà posizionato all’ingresso del locale, tali canzoni verranno ricordate sulle decorazioni in stile pop-art ideate da Simioli e realizzate da Mario Pelliccia. Sarà come avere di nuovo Renato Carosone lì seduto al suo tavolo, come faceva quando era un assiduo cliente dello storico caffè napoletano, mentre sorseggia un espresso, assaggia sfogliatelle e struffoli, canticchiando qualche nuovo motivetto da trasformare in un brano di successo.

L’albero di Natale della musica verrà acceso sabato 8 dicembre alle 18.00: le sue luci rimarranno accese fino al 7 gennaio per rendere ancora più magica e incantevole l’atmosfera di quel centro città compreso tra Piazza del Plebiscito e il Teatro San Carlo.

Photo Credits: Gran Caffè Gambrinus Press Office Equa

Latest Posts

Barcellona, umiliazione storica per Messi e compagni: il Bayern vince 8-2

Allo stadio Da Luz di Lisbona il Bayern Monaco ha letteralmente annichilito il Barcellona, travolgendolo per 8-2 (4-1) nella partita valida per i quarti...

Ferragosto 2020, controlli rafforzati: spiagge, locali e treni nel mirino

Un Ferragosto che non può essere come tutti gli altri: l'Italia vive oggi la tradizionale festa d'estate nel bel mezzo dell'emergenza coronavirus, tutt'altro che...

Tommaso Salustri, 9 anni e un talento innato: «Voglio diventare un fumettista e raccontare storie come Zerocalcare» [ESCLUSIVA]

Tommaso: capelli biondi, lunghi, occhi vivaci, vocina da bambino, ma idee molto chiare su cosa vuole diventare in futuro. La sua passione è disegnare...

Donna di 89 anni si sente sola e chiama il 113: gli agenti le portano un cornetto

Questa storia, dal lieto fine e con sfumature di rara tenerezza, arriva da Bologna. Una donna di 89 anni si sentiva molto sola e...
Ads