domenica, Settembre 27, 2020

Ultmissimi

Intervista a Michelangelo Pistoletto: «Così il virus ci ha messo a nudo» [INTERVISTA]

Per un compleanno speciale, era giusto si pensasse in grande, come del resto è sempre stato nello stile di Galleria Continua. Era il 1990...

Covid, a scuola sulla spiaggia di fronte al mare: l’esperimento in Abruzzo

A lezione di fronte al mare. Con i banchi sulla sabbia, sotto l'ombrellone e gli occhi pieni di azzurro. Questo il primo giorno di...

Coronavirus, allarme dell’Oms: “Rischiamo 2 milioni di morti, bisogna agire subito”

I contagi da coronavirus si stanno moltiplicando in tutta Europa come nei mesi più bui della pandemia. Questa la dura realtà che, secondo l'Organizzazione...

Voglia di pasta: 4 ricette autunnali per cucinarla con gli ortaggi di fine estate

Pasta: la più amata dagli italiani e non solo! A fine estate, con le temperature che si abbassano torna ad essere la prima in...

Fabrique du Cinéma Awards 2019, il premio internazionale al nuovo cinema italiano

Quinta edizione per i Fabrique du Cinéma Awards 2019. Dopo il rinnovato successo dello scorso anno, domani sabato 14 dicembre il concorso internazionale promosso dalla rivista Fabrique du Cinéma tornerà a premiare le migliori opere cinematografiche di questo 2019. Il criterio è uno su tutti: riconoscere l’originalità e le novità portate dai giovani autori nel cinema italiano.

“Perché un premio?” – spiega Davide Manca, ideatore e Direttore Artistico della rivista – “Perché oltre al lavoro editoriale era anche il momento di premiare qualcuno. Non necessariamente la migliore opera dell’anno, ma quella che più delle altre ha provato a percorrere nuove strade. Ci sembrava potesse essere un ennesimo aiuto a chi ha coraggio ma ha bisogno anche di una vetrina per farsi conoscere e rendersi appetibile alle produzioni”.

Fabrique du Cinéma, il premio internazionale al cinema italiano sperimentale

L’appuntamento è per domani sabato 14 dicembre ore 21.00 presso l’Ex Caserma Guido Reni di Roma, quartier generale di Videocittà, il Festival della Visione ideato da Francesco Rutelli e diretto da Francesco Dobrovich.

“Abbiamo pensato, e con lungimiranza il tempo ci ha dato ragione, che ci fosse bisogno di promuovere in modo concreto i giovani autori” continua Manca, ripercorrendo gli esordi di Fabrique du Cinéma, che in occasione degli Awards presenterà il suo 27esimo numero.

“Nessuno raccontava questi autori fino in fondo, eccetto pochi festival e pochi ‘illuminati’, perciò forse avevano bisogno di un punto di riferimento nuovo e forte, che desse loro voce. Noi non eravamo né forti né luminosi, però con l’energia giusta ci siamo riuniti insieme ad altri amici professionisti del cinema. Noi soci Fabrique (insieme a Manca anche Luigi Pinto, Tommaso Agnese ed Elena Mazzocchi, ndr) lavoriamo tutti nel mondo del cinema, direttamente sul campo, e anche questo è importante per scovare continuamente nuovi talenti”.

Fabrique du Cinéma Awards: una giuria internazionale presieduta dal due volte premio Oscar Paul Haggis

A condurre la cerimonia di uno degli appuntamenti più attesi del dicembre cinematografico sarà l’attore Alessio Vassallo con le attrici Laura Barth e Liliana Fiorelli. Un evento che raccoglie puntualmente oltre 3.000 persone e che nel corso degli anni è diventato una sorta d’istituzione nel settore, con una rivista dedicata, a tutti gli effetti, a chi il cinema lo ama e a chi il cinema lo fa.

“Il premio esiste ormai da 5 anni e da 3 anni è diventato internazionale” racconta ancora Davide Manca. “Iniziavano ad arrivarci richieste da tutta Europa, probabilmente perché questa realtà di una rivista che scrive solo in italiano, ma parla di giovani autori emergenti, ha iniziato a farsi conoscere grazie alla distribuzione nei migliori festival del cinema, tra Cannes, Venezia e Berlino. Ovviamente per questo passaggio abbiamo avuto bisogno di creare anche una giuria internazionale, ma l’unico modo di farlo era puntare al massimo. Così siamo partiti con il premio Oscar Willem Dafoe, Presidente della prima giuria internazionale, e abbiamo replicato con il due volte Premio Oscar Paul Haggis, Presidente di giuria anche quest’anno. Haggis è arrivato qualche giorno fa da New York e sabato sarà con noi a premiare la miglior opera sperimentale e innovativa”.

Fabrique du Cinéma Awards: 11 premiati, numeri da record e 72 paesi in gara

Undici i premiati nelle varie categorie. Ad assegnare i riconoscimenti il Presidente di giuria e Premio Oscar Paul Haggis, regista di film cult come Crash, Nella valle di Elah, The Next Three Days e sceneggiatore di film come Million Dollar Baby e Casino Royale. Accanto a lui Ivan Cotroneo, sceneggiatore e regista di gioielli come Un bacio e La kriptonite nella borsa; l’attrice e icona del nostro cinema Margherita Buy; l’attore Stefano Fresi, volto tra i più popolari della commedia italiana; infine Claudio Masenza, istituzione della critica cinematografica.

I Fabrique du Cinéma Awards, realizzati con il contributo e il patrocinio della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, hanno raggiunto numeri da record con 1100 iscritti da 72 paesi. La crescita costante delle iscrizioni da tutto il mondo conferma i Fabrique du Cinéma Awards come uno dei riconoscimenti più interessanti e originali nel vasto panorama dei premi cinematografici italiani.

Tanti i talenti premiati nel corso degli anni, che sono oggi figure di spicco del cinema italiano e internazionale tra cui: Matteo Garrone, Miriam Leone, Alessandro Borghi, Matilda De Angelis, Valentina Bellè, Simone Liberati, Sara Serraiocco, Marco Danieli, i fratelli D’Innocenzo, i registi internazionali Jarek Marszewski, Victor Perez, Miranda De Pencier e molti altri.

L’appuntamento è previsto per sabato 14 dicembre 2019 presso Videocittà – Ex-Caserma Guido Reni, 7,  Roma. Si partirà con il cocktail di apertura alle ore 20:00, per proseguire con la cerimonia di premiazione alle 21:00. Dalle 22:30 il party di cerimonia sarà aperto al pubblico.

Latest Posts

Intervista a Michelangelo Pistoletto: «Così il virus ci ha messo a nudo» [INTERVISTA]

Per un compleanno speciale, era giusto si pensasse in grande, come del resto è sempre stato nello stile di Galleria Continua. Era il 1990...

Covid, a scuola sulla spiaggia di fronte al mare: l’esperimento in Abruzzo

A lezione di fronte al mare. Con i banchi sulla sabbia, sotto l'ombrellone e gli occhi pieni di azzurro. Questo il primo giorno di...

Coronavirus, allarme dell’Oms: “Rischiamo 2 milioni di morti, bisogna agire subito”

I contagi da coronavirus si stanno moltiplicando in tutta Europa come nei mesi più bui della pandemia. Questa la dura realtà che, secondo l'Organizzazione...

Voglia di pasta: 4 ricette autunnali per cucinarla con gli ortaggi di fine estate

Pasta: la più amata dagli italiani e non solo! A fine estate, con le temperature che si abbassano torna ad essere la prima in...
Ads

Ad