CronacaNewsPrimo piano

Alto Adige, valanga sulla pista da sci: morte una donna e due bambine

Tre morti, una donna e due bambine. Oltre ad alcuni feriti. Questo il tragico bilancio di una valanga oggi 28 dicembre. La slavina si è abbattuta su una pista da sci sul ghiacciaio della Val Senales sulle Dolomiti in Trentino Alto Adige.

Sul posto sono giunti tre elicotteri, uno dei quali dall’Austria, e le squadre di soccorso. “Sul posto tre elicotteri, di cui uno proveniente dall’Austria – recita un tweet del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico -. La valanga è scesa ad una quota di 1800 metri circa e si è estesa per oltre 300 metri, in un punto in cui una pista da sci curva per circa 90°”.

Nel pomeriggio i soccorritori stavano ancora verificando la presenza di altri sciatori sotto le masse nevose. Le vittime, così come i feriti, sono tutte di nazionalità tedesca. La tragedia si è verificata sulla pista da sci che dal ghiacciaio, a oltre 3000 metri di quota, porta al fondo valle.

La slavina, spiega online l’Ansa, si è staccata nel tratto tra la cosiddetta forcella dei contrabbandieri e il rifugio Teufelsegg. Le vittime, una comitiva di turisti tedeschi, si trovavano sulla pista quando sono state investite dalla massa di neve e ghiaccio. Un’altra simile tragedia si è verificata in Alta Val Passiria (Alto Adige). Una persona è in grave stato di ipotermia dopo essere rimasta vittima di una valanga. Ricerche sono in corso per verificare se la slavina ha travolto altre persone.

Domenico Coviello

Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze, come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione Internet de “La Nazione”, “Il Giorno” e “Il Resto del Carlino”, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni, sempre su Internet, all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a “City”, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli – Corriere della Sera. Un passaggio alla “Gazzetta dello Sport” a Roma, e al desk del “Corriere Fiorentino”, il dorso toscano del “Corriere della Sera”, poi di nuovo su Internet per il sito di news “FirenzePost”. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma, e da qui l’approdo a “Velvet Mag”. Ha collaborato a “Vanity Fair”.

Correlati

Lascia un commento

Back to top button