"
Fashion NewsPrimo piano

Svolta animalista per Karl Lagerfeld: la maison dice no alle pellicce

Svolta animalista anche per il brand Karl Lagerfeld. L’annuncio è di soli pochi giorni fa, ma già le organizzazioni a favore degli animali esultano. La PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), infatti, ha dichiarato che anche il marchio Karl Lagerfeld ha annunciato di voler rinunciare all’utilizzo delle pellicce. Una presa di posizione importante su un tema molto attuale e delicato.

 

Anche Chanel, Versace, Gucci contro l’utilizzo delle pellicce

 

La decisione animalista del gruppo di Karl Lagerfeld si schiera con l’alleanza fur free contro lo sfruttamento dell’utilizzo degli animali per le creazioni di moda che prevedano pellicce. Molti brand di lusso, infatti, hanno già preso una scelta etica abolendo pellicce dalle loro collezioni. Fra questi figurano Stella McCarteney, da sempre in prima linea contro l’utilizzo degli animali, ma anche Prada, Gucci, Chanel, Versace, Hugo Boss, Michael Kors, Burberry, solo per citarne alcuni. La moda quindi punta molto sulle pellicce ecologiche, che si rivelano come forti tendenze per l’inverno 2020 e per gli anni a venire.

 

Le parole di Karl Lagerfeld in contrapposizione alla scelta fur free

 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy