"
MondoNewsPrimo piano

Usa, scontro su Trump: la Camera limita i suoi poteri di guerra

“Eravamo pronti” a rispondere e colpire l’Iran, poi però “non siamo andati”. Così, spiega online l’Ansa, Donald Trump spiega ai suoi sostenitori, durante il primo comizio del 2020, cosa è accaduto la sera dell’attacco iraniano a due basi militari in Iraq che ospitano le truppe americane.

Lo stop dei deputati

Lo fa poco dopo il via libera della Camera alla risoluzione che limita i suoi poteri di guerra, vietando ogni intervento in Iran senza l’approvazione del Congresso. Il provvedimento proposto dai democratici ha incassato l’appoggio di tre repubblicani. Ma si tratta di una misura simbolica. Infatti non è vincolante e difficilmente supererà l’esame del del Senato.

Dura reazione del presidente

La Casa Bianca boccia il provvedimento definendolo “ridicolo”. Il presidente ha “il diritto e il dovere di difendere il paese e i suoi cittadini” dice il portavoce Hogan Gidley, bollando la risoluzione come un'”altra mossa politica” dei democratici oltre all’impeachment.

“Soleimani? Un terrorista”

“I democratici dovrebbero arrabbiarsi per i crimini commessi” dal generale iraniano Qassem Soleimani “non per la sua morte” rincara la dose Trump a Toledo, in Ohio. Dopo una breve interruzione causata da alcuni manifestanti successivamente allontanati dalla polizia, il presidente loda le forze armate americane, le “più forti al mondo”, e definisce Soleimani un “terrorista assetato di sangue” che aveva preso di mira le ambasciate americane, non solo quella di Baghdad.

“Noi i più forti al mondo”

“Quando mi hanno detto dei 16 missili” lanciati contro le basi in Iraq “eravamo pronti ad andare. Ho chiesto quanti morti e feriti c’erano, mi è stato detto nessuno e non siamo andati. Non che io volessi andare” spiega il presidente. “Le nostre forze armate sono le più potenti al mondo. Chi ci minaccia lo fa a suo rischio” aggiunge lanciando un messaggio indiretto all’Iran. Criticando l’accordo per il nucleare iraniano, Trump prende ancora di più le distanze dall’ultima amministrazione. “Stava spingendo il mondo verso la guerra – dice -, ora invece siamo sulla strada della pace”.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy