"
NewsPrimo pianoSport

Barcellona, Leo Messi al bivio: potrebbe lasciare i blaugrana

Messi abbandona il Barcellona? Dopo la tensione fra il campione Leo Messi e Eric Abidal, i blaugrana fanno filtrare che l’incontro tra il presidente Bartomeu e il proprio ds è stato risolutivo. Il caso però si inserisce nel momento forse più difficile della storia tra il Barça e la Pulce, sottolinea Sport Mediaset.

Leo è arrabbiato e potrebbe esercitare davvero quella clausola che gli permette di liberarsi a costo zero a fine stagione. L’opportunità nasce dal rinnovo del 2017 quando Messi chiese e ottenne di inserire nel contratto una clausola che gli consenta di liberarsi unilateralmente al termine di ogni stagione. Non è del tutto chiaro se a costo zero o con un indennizzo comunque di gran lunga inferiore alla clausola da 700 milioni di euro.

Un accordo particolare che Messi ha ottenuto sul campo, con i gol, la dedizione e l’attaccamento ai colori blaugrana. E che in casa Barcellona era stato visto più come un desiderio di scegliere in qualunque momento quando chiudere la carriera tornando in Argentina.

Ora però le cose sono diverse. Lo screzio social con Abidal segue altre scelte del club che non sono piaciute all’argentino. A partire dalla cessione di Neymar, dalla cacciata di un tecnico stimato come Valverde o dall’incapacità di tornare ad altissimi livelli in Champions League. A Barcellona iniziano ad avere paura che Messi possa decidere di andare in un altro big team, come testimoniano le parole di Quique Setien: “Dobbiamo stargli vicini ed evitare che gli venga la tentazione di andare via”.

Messi con la moglie Antonella Roccuzzo, argentina come lui

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy