"
CoronavirusPrimo piano

Coronavirus in Italia, fra Lombardia e Veneto quarantena in 11 comuni per 50 mila persone

Lombardia e Veneto, le due regioni colpite dai primi casi di coronavirus, vivranno oggi 23 febbraio una domenica diversa dalle altre. Le autorità hanno annullato le manifestazioni sportive, comprese le tre partite di calcio di serie A Inter-Sampdoria, Atalanta-Sassuolo e Verona-Cagliari.

Stop a sport e università

Da domani 24 febbraio chiuse le università per una settimana. Sono undici i comuni del lodigiano e del Veneto in quarantena. Si tratta delle località interessate dall’emergenza coronavirus e dai relativi provvedimenti volti a impedire la diffusione del virus. Si tratta di Vò Euganeo, Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano.

Come “zone rosse”

Territori dove vivono oltre 50 mila persone. Di fatto sono adesso come delle “zone rosse” a tutti gli effetti: non si entra e non si esce. Non solo. All’interno delle zone focolaio “l’accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l’acquisto di beni di prima necessità è condizionato all’utilizzo di dispositivi di protezione individuale”. E a tutti coloro che hanno avuto “contatti stretti con casi confermati” dovrà essere applicata la “misura della quarantena con sorveglianza attiva”.

Sono 76 i contagiati in 5 regioni

Il commissario all’emergenza, Angelo Borrelli, ha riferito che sono 76 le persone colpite dal coronavirus in 5 regioni. Di queste 54 in Lombardia, 17 in Veneto, 2 in Emilia Romagna, 2 nel Lazio e 1 in Piemonte. Al momento sono 33 le persone ricoverate con sintomi, di cui 18 in terapia intensiva, 11 invece sono in isolamento domiciliare. Due i deceduti, mentre una persona è stata dimessa allo Spallanzani.

Polizia e militari a presidiare

Nella giornata di ieri 22 febbraio il governo ha approvato un decreto con misure severe. Divieto di allontanamento e di ingresso nelle aree “focolaio” del virus. La polizia le presidierà. In caso di necessità, anche di militari. Scatteranno sanzioni penali per chi vìola le prescrizioni. Stop alle gite scolastiche in Italia e all’estero, sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche. E ancora, chiusura di scuole, negozi e musei, stop a concorsi, attività lavorative private e degli uffici pubblici, fatti salvi i servizi essenziali, limitazione per la circolazione di merci e persone.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy