Al cinema “La Partita” di Francesco Carnesecchi: «Il calcio non è mai solo un gioco»

Esce al cinema giovedì 27 febbraio 2020 “La Partita”, film di Francesco Carnesecchi con Francesco Pannofino, Alberto Di Stasio e Giorgio Colangeli.

LA PARTITA – Sinossi del film, da giovedì 27 febbraio al cinema

Sul campo da calcio non si decide solo il destino del campionato, ma la vita di coloro che vogliono dare una svolta alla propria esistenza. Chi per soldi come Italo (Alberto Di Stasio), il presidente dello “Sporting” che ha scommesso tutto quello che ha sul risultato – chi per onore, come mister Bulla (Francesco Pannofino), l’allenatore che non ha mai vinto niente – e chi per seguire un sogno, come Antonio (Gabriele Fiore), il capitano della squadra che vuole diventare un calciatore. Mentre fuori dal campo il mondo continua a vivere, a morire e ad essere pieno di contraddizioni, durante la partita il tempo si ferma perché quello è il momento più importante di sempre…

Francesco Carnesecchi, regista del film: «Il campo da calcio a metà strada tra una fede e una droga»

La Partita è un film che ci porta dritti nel cuore di Roma e dell’Italia, inquadrandone debolezze e contraddizioni. Il contesto è quello della periferia capitolina. Tra l’erba incolta e i capannoni industriali, in un campo di calcio qualsiasi, due squadre di ragazzini si affrontano in una battaglia senza esclusione di colpi. La passione totalizzante per il calcio è l’angolo attraverso il quale vengono messi in prospettiva tutti i personaggi. A metà strada tra una fede e una droga, il campo da calcio è il luogo attorno a cui si radunano una serie di personaggi tutti, in un modo o nell’altro, dipendenti dal pallone. Perché il calcio non è mai solo un gioco.

Exit mobile version