"
Coronavirus

Coronavirus, Di Maio: “Epidemia? Il rischio è un eccesso di informazioni di tutti i tipi”

“Siamo passati da un rischio epidemia di coronavirus a una ‘infodemia’ acclarata e in questo momento il rapporto con la stampa estera è preziosissimo”. Lo ha detto stamani 27 febbraio il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in conferenza all’Associazione Stampa Estera. L’Italia – ha aggiunto – è un paese affidabile. C’è una buona notizia: tutti i pazienti allo Spallanzani sono guariti”. “Condanniamo tutte le speculazioni che qualche sciacallo sta facendo su gel e mascherine queste persone saranno punite”.

Cosa è l’infodemia

Secondo l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), all’epidemia del coronavirus 2019-nCoV ha si somma una massiccia “infodemia”, ovvero un’abbondanza di informazioni. Alcune accurate e altre no, che rendono difficile per le persone trovare fonti affidabili quando ne hanno bisogno. Tra le fake news principali, quelle secondo cui esistano antibiotici e alimenti come l’aglio utili alla cura del virus o che l’infezione possa trasmettersi anche attraverso lettere e pacchi postali provenienti dalla Cina.

La nave italiana in Messico

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, impegnata nel rintracciare falsi miti e voci sul virus di Wuhan, diramerà “informazioni basate sull’evidenza” sui propri canali social e sul sito web dell’Oms. Lo riporta il sito Liberiamo.it. In Messico, intanto, la nave italiana Msc ‘Meraviglia’ adesso può attraccare a Cozumel. Ma le condizioni proibitive del vento, che, secondo quanto si legge in un comunicato della compagnia di navigazione, starebbe soffiando a 35-40 nodi, per ora lo impediscono.

Il governatore della Lombardia

Finora la Giamaica e i Caraibi avevano respinto la “Msc Meraviglia” per paura del coronavirus. In Italia, invece, una collaboratrice del governatore della Lombardia Attilio Fontana è risultata positiva al coronavirus e lui andrà in auto-isolamento. “Da oggi qualcosa cambierà – dice in un video su Facebook, rendendo noto il caso di positività della sua collaboratrice – perché anche io mi atterrò alle istruzioni date dall’Istituto Superiore della Sanità, per cui per due settimane cercherò di vivere in sorta di auto-isolamento che soprattutto preservi le persone che lavorano con me”.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy