"
News

Modelle troppo magre in passerella, è allarme: legge in arrivo e nuove regole

L’Italia, il Paese dell’eleganza e della moda, prova di nuovo a fare i conti con le modelle troppo magre in passerella. Il mondo del fashion non riesce a rinunciarvi una volta per tutte. A lanciare un grido d’allarme – a partire in particolare dalla sfilata di Gucci alla Fashion Week Milano – è la modella curvy Elisa D’Ospina. Nei gironi scorsi ha lanciato una petizione su Change.org per dire ancora una volta no a immagini che rischiano di influenzare pesantemente e in negativo tante ragazze e ragazzi giovani.

Due proposte in Parlamento

Da tempo, però, sottolinea online sull’Ansa Alessandra Chini, in Parlamento si discute di queste tematiche. Sono del 2018 due proposte di legge, una alla Camera e una al Senato che affrontano l’argomento. Una a firma della deputata M5s Azzurra Cancelleri, ricorda l’Ansa. L’altra a firma della senatrice Pd Caterina Bini.

Anoressia e bulimia malattie sociali

Le malattie alimentari – dice Bini all’Ansa – sono la seconda causa di morte tra i giovani dopo gli incidenti stradali”. “Va messo un freno – continua – ai siti web che pubblicizzano una visione della bellezza come estrema magrezza”. E, inoltre, serve “appoggiare le famiglie”. Questo significa mettere insieme il fronte medico, quello psicologico e quello del lavoro sul reinserimento. La proposta di legge Bini, in discussione in commissione a Palazzo Madama, prevede in primis il riconoscimento “come malattie sociali” dell’anoressia, della bulimia e delle altre patologie inerenti i disturbi gravi del comportamento alimentare. E indica una serie di progetti obiettivo, azioni programmatiche e iniziative dirette a prevenire e curare queste malattie.

Controlli sulle agenzie di moda

All’interno della proposta di legge ecco le indicazioni riguardanti le agenzie di moda. Alle quali viene vietato di avvalersi di modelle che non abbiano un certificato medico. Oppure il cui certificato attesti un indice di massa corporea di “grave magrezza o sottopeso”. In caso di trasgressione della regola scattano penali fino a 100 mila euro. Sul punto specifico delle passerelle insiste invece la proposta M5s. Il testo, depositato nell’aprile 2018, prevede l’obbligo nelle sfilate o nelle campagne pubblicitarie di modelli o modelle con indice di massa corporea superiore a 18,5. Le case di moda sono tenute, inoltre, a mettere a loro disposizione uno psicologo o un terapeuta durante l’orario di lavoro. Il suo iter a Montecitorio non è, però, mai partito.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy