Coronavirus, follia in Sicilia: positivo al tampone fa la spesa al supermercato

Nonostante l’abbiano trovato positivo al coronavirus faceva tranquillamente la spesa in un supermercato.

Invece – lo ricordiamo a tutti – i cittadini che risultino positivi al tampone devono osservare il divieto assoluto di uscita da casa.

Sarebbe un inserviente dell’ospedale di Sciacca la persona indagata dalla locale Procura. La notizia è riportata online dall’Ansa. I magistrati hanno aperto un’inchiesta per concorso colposo in epidemia e inosservanza delle normative disposte per far fronte all’emergenza Coronavirus.

L’inchiesta è nata dopo una denuncia. La magistratura ha avvisato del caso l’autorità sanitaria. Il reato di epidemia colposa nella forma aggravata è punito fino a 12 anni.

Exit mobile version