"
Cinema

Joaquin Phoenix vivo grazie a Werner Herzog: il retroscena dell’incidente

Joaquin Phoenix deve la vita a Werner Herzog. I due giganti del mondo del cinema sarebbero infatti legati non solo dall’amore per la settima arte in tutte le sue sfaccettature, ma anche da un evento avvenuto nel passato. Un evento che, se il regista tedesco non fosse stato presente o semplicemente si fosse comportato più egoisticamente, avrebbe con ogni probabilità causato la morte dell’attore, premio Oscar 2020 per la sua interpretazione in Joker. Il suo intervento, invece, è stato provvidenziale e salvifico. Per l’attore, sì, ma anche per il cinema contemporaneo.

L’incidente di Joaquin Phoenix

È stato lo stesso Werner Herzog a raccontare la vicenda che lo lega, tramite un filo indistruttibile, a Joaquin Phoenix. Era il 26 gennaio del 2006 e l’attore, poco lontano da Hollywood, era rimasto coinvolto in un incidente stradale. La sua auto aveva sbandato e si era rovesciata sul ciglio della strada, con Phoenix bloccato dentro l’abitacolo. Proprio in quel momento era passato Herzog in macchina e, vedendo la scena, si era fermato per offrire il suo soccorso. «Ebbene sì: nonostante fosse a testa in giù, schiacciato fra gli airbag, cercava disperatamente di accendersi una sigaretta. Sapevo che non doveva accendersi una sigaretta, perché c’era della benzina che colava e sarebbe sicuramente morto innescando un’esplosione», aveva raccontato il regista.

Il racconto di Werner Herzog

A quel punto Werner Herzog si era rimboccato le maniche per aiutare Joaquin Phoenix, per salvargli la vita. Il primo passo era farlo desistere dal suo desiderio di accendersi una sigaretta. «Così ho cercato di essere determinato nell’ordinargli di non farlo. Tuttavia temevo che, se gli avessi dato un comando, avrebbe tentato con ancora più ostinazione di accendere la sigaretta. Così ho provato a strappargli di mano l’accendino. Solo a quel punto mi sono accorto che si trattava di Joaquin», ha dichiarato. Come sono andate le cose, poi, è risultato evidente: l’attore è ancora in vita.

Back to top button
Privacy